martedì 8 dicembre 2009

USB: Una Situazione Bruttissima


Tra le perle di saggezza che l’Orsopio dispensa quasi quotidianamente con i suoi sonetti romaneschi ce n’è una che fa proprio al caso mio, perché da qualche giorno non trovo più la mia chiavetta USB, che conteneva qualche articolo quasi pronto. Rubo quindi una sua opera, a ulteriore dimostrazione che nella poesia ciascuno di noi può trovare elementi di riflessione sugli accidenti della vita.

Oggi so' lieto come un regazzino
che lo stanno a manna' ar corezzionale
più alegro appena un filo der tacchino
'na settimana prima de natale

purtroppo nun è daun da troppo vino
e manco depressione staggionale
nun posso baccaja' contro er destino
lo stesso essenno causa der mio male

inutile appellasse alla disdetta
qualunque cosa accampo è una bucia
è ciartronaggine brillante e netta

né dolo artrui né caso o sorte ria
inzomma, me so' perzo la pennetta
uessebì co' tutti i cazzi mia

28 commenti:

  1. Hai tutta la mia solidarietà. Due mesi fa un fulmine, in piena notte, passando dalla presa del telefono, mi ha bruciato computer e router adsl. Non facevo il backup da un mese. Contemporaneamente, avevo in corso il rifacimento del tetto di casa. Al posto delle tegole solo un telone che si è gonfiato d'acqua e ha cominciato a riversarla per le scale interne. Ho passato la notte a riparare i buchi del telone con in mente in PC andato in fumo. Io, ateo, ho ricordato al mondo tutti i santi del calendario. L'ho superata, però.
    Ciao.

    RispondiElimina
  2. È già successo più di una volta:
    l'incendio della Biblioteca di Alessandria;
    la dimostrazione dell'Ultimo Teorema di Fermat;
    il mancato trasferimento dei miei dati dai nastri a un supporto più recente;
    _____________________________________________.
    Consola che, in ognuno di questi casi, la cultura si sia, prima o poi, ripresa.
    Notato che non ho parlato della necessità di fare i back-up e farli sovente?
    In ogni caso complimenti a Orsopio e grazie a Pop per la divulgazione.

    RispondiElimina
  3. le memorie flash come le memorie biologiche possono cancellarsi, ma possono anche andare smarrite o dimenticate "in blocco" come a te è capitato, fa parte del giuoco, sono sicuro che al momento opportuno ritroverai la chiavetta e con essa anche gli articoli belli e pronti...
    (vorrei anch'io avere articoli quasi pronti in qualunque formato..)
    saluti
    Blas

    RispondiElimina
  4. ahi ahi! Già successo. Adesso uso la usb solo come trasporto mai come unico salvataggio.
    Non sarà mai troppo tardi quando si inventerà un sistema per ritrovare chiavi (di casa) e chiavi (usb).
    Peccato per la situazione, ma leggere Orsopio è sempre un divertimento.

    RispondiElimina
  5. Grazie a tutti per la solidarietà. Di solito salvo da USB a PC e viceversa, ma questa volta erano tre quattro file che avevo iniziato a casa e volevo proseguire a scuola nelle ore buche. Orsopio la sua l'ha ritrovata: non dispero ancora.

    RispondiElimina
  6. che onore... grazie pop...!
    anonima orsipii

    RispondiElimina
  7. Oh Pop,
    ritrovata?? hai scritto stamane... magari a quest'ora sì :-)
    te lo auguro. Non mi è mai successo ma immagino sia una sensazione spiacevolissima.
    Ah, la tecnologia! Questo pomeriggio, torno ora da un corso ..., volevo usare il mio hard disk esterno, cerco di aprire una cartella e, doppio clic, un istante di ..non so che è successo..: cartella sparita! Fortunatamente era solo un backup. Ricaricata! :-)
    Spero bene per te, sù!
    g

    RispondiElimina
  8. Ps: ho scordato i complimenti a Orsopio. simpaticissima composizione!:-)
    g

    RispondiElimina
  9. TROVATA!!! Nel cassetto in sala prof (che praticamente non uso quasi mai...)

    RispondiElimina
  10. wow!
    ...nemmeno io... il cassetto! :-))
    -qui, ora buca!- :)
    ciao,
    g

    RispondiElimina
  11. laperfidanera10/12/09, 15:07

    Che sollievo! già vedevamo perso per sempre quell'articolo, ora possiamo sperare di leggerlo presto.
    Ciao
    LPN

    RispondiElimina
  12. Magari dentro c'è anche la prima bozza del libro che ha promesso tempo fa (sol la si do). Chissà se arriva prima di natale?

    RispondiElimina
  13. Juhan, il libro è per ora solo nel mondo delle idee. Ma, se insistete, mi metto davvero all'opra. Non mi legherò alla sedia come l'Alfieri, anche perché non saprei come raggiungere il boccale di bionda tedesca che sorseggio mentre scrivo... :)

    RispondiElimina
  14. Prendilo come un larvato incoraggiamento. Sappi inoltre che una copia puoi considerarla venduta fin da ora. E se mi dici dove vengo anche a farmela autografare: pensa che sono disposto a arrivare fino a Milan!

    RispondiElimina
  15. Juhan, grazie. Ma consentimi una piccola richiesta: puoi per favore scrivere Milàn con l'accento oppure Milano? Certe parole fanno male al mio cuoricino nerazzurro...

    RispondiElimina
  16. L'accento era implicito, ven-o da Türin e sono, sia pure molto blandamente, doppiamente tifoso, del Toro e dell'Inter.

    RispondiElimina
  17. laperfidanera10/12/09, 19:11

    Ehi, ma tua moglie non protesta per la "bionda tedesca"?
    LPN

    RispondiElimina
  18. bene...!
    orsopio off

    RispondiElimina
  19. Ciao Popinga,
    hai visto, tutto bene quel che finisce bene. Ma tu ci credi a Serendippo? Hai visto mai, è pur sempre una bella storia per farci un post.
    Te pensa che nel giro di due giorni a me si è rotto il monitor del computer, vabbe’ che mi sono pur sempre premunita di comprarne uno di emergenza, però fosse solo quello: oggi mi è arrivata pure la raccomandata che devo far controllare la mia macchina perché il signor Marchionne si è dimenticato di girare una vite nello sterzo. Alla faccia, sai di là alla Chrysler gli ‘mmericani come saranno tutti contenti? Vedi che si dimentica le cose pure lui, non te la pigliare :)
    e vabbe’, tutto si può perdere, ma non la propria dignità, cribbio!
    E siccome anch’io mi sono dimenticata un po’ di cosette faccio un giretto nei post addietro, ti spiace Pop? Non ce la faccio, senza offesa, ma DEVO commentare!
    Respect! :)

    Orsopio, sei forte, sai? Il Trilussa of the next millenium. Complimenti :)

    RispondiElimina
  20. La legura sensa cur
    la sa ciapa a tutt’i urr

    RispondiElimina
  21. Allora:

    LPN, mia moglie non è gelosa perchè ama le bionde tedesche quanto me (e non è saffica).

    Roberta: tutto ciò che vuoi. soprattutto i complimenti!

    Peppe: un adagio milanese da te non me l'aspettavo. Ma hai studiato in via Celoria, e io in piazzale Gorini, a 300 m di distanza!

    RispondiElimina
  22. e già ... proprio ieri ho passato la giornata con un mio amico milanese fino al midollo ...

    RispondiElimina
  23. Peppe: che vor di'? (non Peppe, il detto da te riportato :) )

    RispondiElimina
  24. @Roberta
    La lepre senza correre la si prende a tutte le ore ergo con la pazienza si fa tutto ...

    RispondiElimina
  25. La leur sensa cure
    as ciapa a tüte l'ure.
    M'a saralo vèj? (Ma sarà vero?)
    Certo che quello che sembrava un dramma si è trasformato in un simposio di varia umanità, istruttivo anche. Che ne dite di trasmettere Pop al posto delle messe e cantamesse e simili?

    RispondiElimina
  26. Manca il nuntio vobis gaudium magnum e poi siamo a posto! Non ho simili aspirazioni. Perchè non trasmettere alla domenica mattina tutti i film della saga di Heimat di Edgar Reitz (per un totale di 52h 19')?

    RispondiElimina
  27. Permettemi una piccola correzione a peppe (ve l'ho detto che sono un secessionista pignolo):

    La pronuncia è quasi corretta; avresti dovuto scrivere:

    La legura sensa cur
    la se ciapa a tüt i ur

    Ma la scrittura corretta è la seguente:

    La legora senza corr
    la se ciappa a tut i orr

    Il Meneghino scritto non differisce poi molto dallo Svedese moderno.

    Una nota. In Bergamasco, Bergamo si dice Berghem. In Svedese "berg" significa monte, montagna, "hem" significa casa e "berghem" significa casa sulla montagna. Solo un caso?

    RispondiElimina