mercoledì 6 gennaio 2010

Ernesto Ragazzoni, uno spirito libero


Non conoscevo l’opera di Ragazzoni fino a quando non ne ha parlato Gavagai de’Bianconigli in un commento a un mio articolo. Ho scoperto uno spirito libero, di quelli che non nascono più. Figura anticonformista e poliedrica, novarese di Orta, Ernesto Ragazzoni (1870-1920), dopo il diploma di ragioniere fu impiegato alle ferrovie, giornalista, conferenziere brillante. poeta e prosatore serio e umorista, saggista intelligente e profetico, anglista, poliglotta, teosofo, niciano, anarco-socialista e alcolista, facendosi beffe di tutti e di se stesso in primo luogo, con un umorismo da cui trapela spesso una vena amara e tormentata, resa attraverso uno stile moderno e, a mio parere, sottovalutato dai critici, in cui è frequente il bisticcio di parole, l’assonanza, la rima interna, da lui considerati come contestazione della banalità dell'espressione tipica del borghesume.

I suoi esordi poetici furono caratterizzati da un’impronta nettamente rivoluzionaria che si esprime attraverso la satira e la beffa. Così, con Le ballatelle italo-abissine, commentò la prima guerra d'Africa (quella del disastro di Adua nel 1896), voluta dai borghesi in frac:



In cravatta bianca e in frac,
alla sera i crocchi chic
tra le chicchere e i pic-nic
e gli alchermes e i cognac,
con gran pose alla Van-Dyck,
ascoltando Grieg o Bach,
in cravatta bianca o in frac,
alla sera i crocchi chic,
se la ridon del Degiàc
e dei ras di Menelik;
ma l'Italia che fé cric,
jeri, in breve farà crac...
in cravatta bianca e in frac.

Pur noi in barba agli Abbacùc,
che impinguati di beefsteaks,
dietro un fumo di giubèk,
profetizzano il zurùch,
da quei negri del cibùc,
Roma avrà il salamelèc,
sempre in barba agli Abbacùc
impinguati di beefsteaks;
e col comodo di Cook,
o di Chiari, e d'uno chèque,
ce n'andremo fin là in break
a sonarci Grieg o Gluck,
sempre in barba agli Abbacùc.

Intorno a quegli anni, con accenti assai simili a quelli del contemporaneo Max Weber, scrisse pagine lucide e profetiche di critica da sinistra, senza nostalgie reazionarie, alla società moderna e all’idea di progresso, che crea una vertigine di avvenimenti e di cose che “ottunde, snerva, rilassa le facoltà ed i sensi. L'amore, così, quando non è lussuria, non è più che un desiderio, l'odio una velleità, la letteratura una gazzetta, l'arte uno sport, l'opinione un affare e la morale un alcunché di molto vago e di molto elastico”. La società sembra votata unicamente all’edonismo senza pensare al futuro: “Godere! e per godere il danaro!”

“Lo stesso sonno, quando si dorme, è agitato come è agitata la veglia; lo stesso divertirsi, quando ci si diverte, ha più della sovraeccitazione che dello spasso. (...) Quale anima ora potrebbe serbarsi pura, grande, generosa, in questa necessità che su tutti incombe, di filtrare ogni sentimento pel portafoglio, di fare continuamente dell'aritmetica, di continuamente pesare le miserie, i bisogni, la passioni del prossimo, e di stimarle, analizzarle, classificarle, per trarne un utile, per architettarvi su una speculazione, o semplicemente per impedire che altri faccia altrettanto con noi.

Checché si faccia, a furia di trovarsi viso a viso colla corruzione, o si finisce per esserne nauseati, e allora ci si isola e si è al di fuori di ogni movimento della vita attuale, o si finisce per abituarvisi, e per inerzia, a poco a poco per concessioni, si conchiude con l'essere presi nell'ingranaggio e col cadervici dentro. (...) Senza un ideale, così, che converga ad una meta sublime le aspirazioni dell'umanità, affetti, caratteri, opere, oggi, si guastano e si corrompono; ed avviene come dell'ingegno che certi giovani non sono ancora riusciti a domare ed a costringere in una creazione: lasciato inoperoso, abbandonato a sé, esso trabocca, straripa nella loro vita e nelle loro maniere in ogni sorta di bizzarrie e stranezze (...) Ed ecco: l'entusiasmo, quando non è un puro accesso di curiosità, ridursi a nulla più di una passeggiera sovraeccitazione; gli slanci, gli impeti generosi, forzatamente contenuti, sbollire lentamente in sorde recriminazioni; il genio, troppo tormentato alla ricerca del nuovo e dell'originale, attaccarsi allo stravagante, al grottesco e portare alla perversione del gusto e del sentimento; la virtù, nove volte su dieci, non essere che l'impossibilità di fare il male; i vizi, i vizi stessi, diventare, borghesemente, null'altro che le cattive abitudini di gente impotente e pusillanime”.

Per Ragazzoni si è ormai entrati nell'Epoca Meccanica, soprattutto perché “lo spirito della meccanica sembra aver penetrato l'intimo nostro essere medesimo, e i costumi, le usanze, le maniere, tutti i fenomeni sociali insomma, vanno oggi informandosi al suo carattere ed alle sue leggi. (...) Sempre maggiormente posseduti dal loro Genio della Macchina, i contemporanei par non abbiano altro ideale che quello di ridurre tutte le loro istituzioni ad altrettanti meccanismi. (...) Ridotti in tal guisa a funzioni puramente meccaniche i doveri e gli atti dello Stato, lo Stato stesso non è altro, per i più, se non una gran macchina: per i malcontenti, una macchina a imposte, a coscrizioni, a repressioni; per i felici del mondo, una macchina a salvaguardia della proprietà”.



Favorevolmente impressionato dal suo talento, Alfredo Frassati lo assunse a La Stampa, di cui era divenuto direttore nell'ottobre del 1900. A Torino incominciò una vita da bohemien irrispettoso delle convenzioni sociali e amante delle osterie; ebbe anche una figlia illegittima. Ragazzoni manifestava un grande disprezzo per il porco quattrino e il suo odio per i luoghi comuni e il conformismo. Il nipote Giovanni Ragazzoni ricordava ad esempio che “quando gli dolevano i piedi andava in giro in pantofole e, in pantofole, si recava alle prime teatrali o a tenere conferenze in ambienti come il filologico di Milano”. Tutto ciò non gli impediva di essere anche, quando ne aveva voglia, uomo di mondo, ricercato dalla migliore società per la sua conversazione brillante, la facile parola, e la capacità retorica che ne facevano un conferenziere molto applaudito.

Non si sentì in contrasto con il suo spirito antiborghese quando accettò nel gennaio 1901 la direzione del periodico conservatore e monarchico Gazzetta di Novara. Dalle sue colonne annunciava il nuovo secolo con parole assai poco conservatrici: “Sulla terra vi sono ancora razze oppresse; v'hanno ancora popoli servi; ancora sventurati che non hanno la certezza del pane quotidiano; ancora coscienze non libere da passioni fanatiche e ancora una densa folla che ha sofferto e che soffre schiacciata dal diritto del più forte. Imperrocché questo è stato il secolo della scienza, è vero, ma tal scienza sovente, esso, l'ha messa al servizio della forza. E' necessario che il secolo prossimo la scienza sia invece scuola e strumento di giustizia”.

In un altro articolo contestava l’ingenuo messianesimo socialista, secondo il quale, con la vittoria dei lavoratori, sarebbero scomparse la miseria e le differenze di classe. Per Ragazzoni la lotta di classe, motore di civiltà, si sarebbe mantenuta anche con il socialismo e la religione socialista, che prometteva una felicità terrestre, andava combattuta in quanto illusione sociale. Dell'avvento del socialismo Ragazzoni temeva (e come dargli torno con il senno di poi?) il possibile avvento di una classe dirigente che non sarebbe riuscita a dominare l'inevitabile disorganizzazione determinata dal trapasso di sistema e avrebbe aperto le porte a un regime dittatoriale. Insomma, Stalin era prevedibile.

L’avventura alla Gazzetta di Novara terminò dopo la pubblicazione dell’articolo Il paese della muffa, spietata critica della vita piccolo-borghese della cittadina, dominata da una “acqua morta degli uffici, il mondo degli impiegati; tutta la malsana esalazione che vien su da quel sistema di apparecchi amministrativi i quali non sembrano avere altro scopo che quello di tramutare in inchiostro ed in carta, in statistiche, in elenchi e di seppellire in un archivio - di volgere in muffa, in una parola - le forze vive, le belle energie, le grandi funzioni della società”.

Costretto dopo un solo mese di direzione a lasciare il giornale novarese, tornò alla Stampa. Nel 1904 divenne corrispondente da Parigi e lo sarebbe stato fino al 1918, con la parentesi di un anno a Londra, nel 1911. Verso la fine della guerra tornò in Italia, passando al Resto del Carlino e, infine, nel 1919 al Tempo di Roma. Sempre contestatore delle corrispondenze di routine, scriveva quando una notizia lo interessava. Nemico dell’etica del lavoro, anticipò alcuni temi del movimento del 1977. 


Intanto aveva sempre continuato a scrivere le sue poesie, il cui umorismo non è disimpegno, ma critica, talvolta feroce, talvolta raffinata, delle ipocrisie e dei delitti della società in cui viveva. Così è la Laude dei pacifici lapponi e dell'olio di merluzzo, apparsa il 25 gennaio 1914 su Numero, la rivista torinese a cui smise di collaborare quando assunse toni nazionalistici e interventisti.

Ben tappati dentro i poveri
ma fidati lor ricoveri,
mentre lento sui tizzoni
cuoce il lor desinaruzzo
i pacifici lapponi
bevon l'olio di merluzzo.

Fuori, il vento piglia a schiaffi
quattro o cinque abeti squallidi:
gli orsi bianchi sono pallidi
pel gran freddo e si dan graffi
l'un con l'altro per distrarsi...
Oh! bisogna ricordarsi
che omai nevica da mesi;
fiumi e rivi presi al laccio
dell'inverno son di ghiaccio
(e che ghiaccio! perché il ghiaccio
è assai freddo in quei paesi);
ma che importa lor? ghiottoni
dallo stomaco di struzzo
i pacifici lapponi
bevon l'olio di merluzzo.

E son là, raccolti, stretti,
padre, madre, zii, bambini
(battezziamoli lappini
i lapponi pargoletti?),
e poi c'è la nonna, il nonno,
qualche amico dei vicini;
ciascun preso un po' dal sonno
perché ha l'epa troppo piena
già di grasso di balena;
pure a nuove imbandigioni
ogni dente torna aguzzo,
e i pacifici lapponi
bevon l'olio di merluzzo.

Beatissimi! fra poco
tutti quanti russeranno
in catasta a torno al fuoco,
poi doman si leveranno,
torneranno alla stess'opra,
mangeranno e riberranno
il buon olio di cui sopra,
e cosí per tutto l'anno,
sempre..... fin che moriranno.

Cosí svolgesi la loro
vita, piana e senza scosse,
senza mai quell'ansia d'oro
che noi muta in pelli-rosse;
senza il fiel, senza la bile
necessari all'uom civile.....
Ho da dirvelo? una smania
prepotente mi dilania,
ed invan da piú stagioni
in me dentro la rintuzzo:.....
vo in Lapponia tra i lapponi
a ber l'olio di merluzzo!

Un’altra sua celebre composizione è Il teorema di Pitagora, con il finale di ogni strofa, la nota enunciazione del teorema, che si oppone, ripetuto e rassicurante, quasi ipnotico, ai mali descritti nei versi precedenti:

I tempi sono tristi! Il vecchio mondo s'usa
a trascinarsi il fianco nel giro dei pianeti!
Le balene si fan sempre piú rare, i feti
voglion dar fuoco all'alcool ove la vita han chiusa.
Per consolarti, o povera anima mia, ripeti:
il quadrato costrutto sovra l'ipotenusa
è la somma di quelli fatti sui due cateti.

Anima mia, rammenti? dall'ombre d'oggi illusa,
questo non ti riporta al raggio dei dì lieti?
O che non ci fiorivano nel cuor tutti i roseti
al tempo in cui a zuffa coll'algebra confusa,
sui banchi imparavamo, monelli irrequïeti,
che il quadrato costrutto sovra l'ipotenusa
è la somma di quelli fatti sui due cateti?

Ora, i tempi a mal volgono. L'un polo l'altro accusa
di accaparrarsi il ghiaccio, e sono ambo inquieti;
l'oche pretendon esser – ahimè! – cigni; i poeti
annegano in tropp'acqua il vino della musa;
le questioni scottanti brucian tutti i tappeti;
ma il quadrato costrutto sovra l'ipotenusa
è la somma di quelli fatti sui due cateti.

Il cannone, Tamagno delle battaglie, abusa
della sua voce, e fulmina. – O dunque, dai roveti
ardenti piú non parlano i Jeova ai profeti?
Non tentenna la terra a un guardo di Medusa?
Un mane, techel, phares è a tutte le pareti...
Ma il quadrato costrutto sovra l'ipotenusa
è la somma di quelli fatti sui due cateti.

La vita è una prigione in che l'anima hai chiusa,
uomo, ed invano brancoli cercando alle pareti.
Sono di là da quelle i bei fonti segreti
ove tu aneli, e dove la pura gioia è fusa.
Qui, solo hai qualche gocciola di ver per le tue seti.
Il quadrato costrutto sovra l'ipotenusa
è la somma di quelli fatti sui due cateti.

E che dire dell’immaginoso nonsense di Poesia nostalgica delle locomotive che vogliono andare al pascolo, ovverosia la rivelazione delle oscure cause di tanti disastri ferroviari...? E se le locomotive fossimo noi, imbevuti eppure insoddisfatti dello spirito della meccanica?

Dal muro in fondo al prato, in mezzo al fieno
una forma si muove e si distacca,
ed è una vacca
che avanza il muso per guardare il treno,
il diretto che passa all'11 ore;
perché, sappia il lettore
di questa commovente poesia,
in fondo al prato c'è la ferrovia.

La vacca guarda: uno dei gran diletti
dei bravi ruminanti,
e possono osservarlo tutti quanti,
è di fermarsi in estasi davanti
ai treni in corsa, specie se diretti.
Ma un po' per uno: se ci sono vacche
che fan l'occhietto alle locomotive,
anime sensitive,
e non automi o rapide baracche,
ci sono pur delle locomotive,
che guardano le vacche.

Le guardano coi grandi occhi di vetro
dei loro due fanali,
ed è con infinita nostalgia
ch'esse si lascian dietro
oltre i fuggenti pali
del telegrafo, a vol, la prateria,
i campi dove ci si può sdraiare
tanto tranquillamente, e contemplare,
lungi obliando le stazioni fosche,
il vol delle farfalle e delle mosche.
«Oh!» sospiran le macchine (e nel mentre,
con il fuoco nel ventre,
tirano via rotando e strepitando)
«quando», ripeton, «quando
potremo essere libere anche noi,
goderci la cuccagna
di vivere in campagna
tra le famiglie placide de' buoi?

Oh! potere campar senza gran stento
di un po' di fieno e un po' di sentimento
come certi poeti!
poter far nulla, all'ombra dei querceti;
non piú mangiar carbone e sputar fumo
per l'uso ed il consumo
di gnomi irrequieti
surti dall'umo, e spinti verso l'umo!
Oh gioia, starsi con le ruote all'aria
in grembo all'erbe tenere,
vicino a qualche fonte solitaria
che piglia il fresco sotto il capelvenere!»

«Ma quando s'è locomotive occorre,
fatalità! – essere sempre altrove,
sempre lasciarsi imporre
la volontà tiranna degli orarii
ferroviarii,
compreso quando piove
e fanno i peggio tempi de' lunarii!
bisogna sempre aver la testa a segno,...
anzi ai segnali,
e prendersi l'impegno
d'essere puntuali
perché c'è sempre, in questo od in quel posto,
da non mancare una coincidenza.
Se non si può... pazienza,
ma intanto, avanti avanti ad ogni costo!»

E le locomotive vanno vanno
senza riposo; eppure
nelle latebre oscure
de' lor cilindri a triplice espansione
conservan sempre una speranza ed hanno
sempre un'illusïone.
– che proprio mai debba spuntare il sole
del giorno avventurato
che potran rotolarsi in un bel prato
vigilate da buoni contadini?
e fare capriole
insieme ad una lor giovine prole
di saltellanti LOCOMOTIVINI?.....


La poesia di Ragazzoni era spesso un suo modo di contestare la poesia aulica e, forse, qualunque sacralità della poesia. Per questo piacque poco ai critici seriosi e idealisti, per questo fu anche poeta parodistico, prendendo liberamente spunto dai versi dei grandi del passato per dar loro nuova veste giocosa e provocatoria, manifestazione costante della sua esperienza artistica e vitale. Così ad esempio tradusse I dolori del giovane Werter dal riassunto poetico che ne aveva fatto Thackeray:

Il giovane Werther amava Carlotta
e già della cosa fu grande sussurro.
Sapete in che modo si prese la cotta?
La vide una volta spartir pane e burro.

Ma aveva marito Carlotta, ed in fondo
un uomo era Werther dabbene e corretto;
e mai non avrebbe (per quanto c'è al mondo),
voluto a Carlotta mancar di rispetto.

Cosí, maledisse la porca sua stella;
strillò che bersaglio di guai era, e centro;
e un giorno si fece saltar le cervella,
con tutte le storie che c'erano dentro.

Lo vide Carlotta che caldo era ancora,
si terse una stilla dal bell'occhio azzurro;
e poi, vòlta a casa (da brava signora),
riprese a spalmare sul pane il suo burro.

Regazzoni morì a Torino di cirrosi epatica il 5 gennaio 1920, esattamente 89 anni fa. Lasciò per volontà che i convenuti al funerale si radunassero in osteria per un pranzo. Nella poesia Il mio funerale aveva pensato a questa epigrafe:

Qui giace ERNESTO RAGAZZONI D'ORTA -
nacque l'otto gennaio mille ed otto-
centosettanta e sotto, questo motto:
“D'essere stato vivo non gl'importa”.

Di sé e della sua opera ebbe a scrivere “Ognuno lavora come crede. Uno dei lavori più graditi, per me, dei più appassionanti, il lavoro dei lavori, è... non scrivere. Ci passerei tutta la vita. (...) La mia fatica di inveterato non scrittore (...) è di condurre, in pensiero, invisibili penne all’assalto di invisibili fogli di carta alla conquista ideale di volumi e volumi che non saranno mai, altro che nella mia mente (...). Mi sono composto, così, dentro, un’intera biblioteca, tutta opera mia, e di cui io solo ho la chiave. (…) La mia teoria (...) è che le idee son fatte per rimanere idee. Sono cose di lusso o pericolose che a portarle sul mercato ci perdono o creano guai. Quante idee – diventate fisse – hanno condotto al manicomio, quante hanno trascinato gente a massacrarsi. (...) È grazie a questi sodi principii che di continuo riesco a regalarmi alla fantasia invisibili pagine meravigliose che scritte sarebbero sciupate”.

Ha scritto Sebastiano Vassalli nella prefazione all’antologia di poesie e prose Buchi nella sabbia e pagine invisibili, pubblicata da Einaudi nel 2000: “La poesia di Ragazzoni si realizzò in gran parte fuori dal testo, nella vita del suo autore; come è accaduto per altri poeti della dissipazione di sé, la sua fama è arrivata fino a noi, nonostante la critica e quasi in assenza della critica, esclusivamente grazie ai lettori”.

18 commenti:

  1. Una figura singolare e originale senza ombra di dubbio. Non sapevo della sua esistenza. Grazie mille. Tornerò ad approfondire perché mi interessa molto il suo modo di poetare.

    Complimenti.

    RispondiElimina
  2. che figura tosta questo Ragazzoni!
    un Bohemien acculturato e intellettuale
    come hai già detto,
    di questa qualità quasi non se ne fanno più..
    speriamo invece che qualche "aberrazione del libero pensiero" riesca si manifesti ancora, magari risistemando la triste fine cirrotica...
    un abbraccio e buon lavoro
    Blas

    RispondiElimina
  3. Piacere per questa nuova conoscenza dall'occhio languido e barba beffarda, sono rari i non-scrittori che meritano di essere letti.

    RispondiElimina
  4. è davvero magnifico essere o almeno ambire di essere non-scrittore. Non è facile di questi tempi

    RispondiElimina
  5. M'immagino, magari, che quasi tutto sia già stato scritto o pensato, da illustri, sconosciuti ai più, e che alcuni, non fidandosi di tacere, abbiamo trasmesso il nome, di orecchio in orecchio. Saremmo migliori o peggiori se ascoltassimo, a volte, chi non parla da un palco?

    RispondiElimina
  6. Che tutto sia già stato detto l'aveva detto, tra gli altri, Borges (e infatti, come si vede, ciò era stato detto). ;)

    Sul passaparola: mi fido poco della voce che si propaga senza controllo, perché così si è pensato che gli ebrei sacrificassero bambini cristiani nei loro riti blasfemi. Anche in questo caso adotterei il metodo scientifico.

    Mi fido di chi parla da un palco se non mi chiede niente in cambio (un voto, ad esempio, o che compri il suo libro). Piuttosto preferisco pagare (un conferenziere, un cantante): è tutto più chiaro.

    RispondiElimina
  7. e se Ragazzoni avesse avuto un blog?

    RispondiElimina
  8. Peppe: secondo me Ragazzoni aveva modo di esprimersi più di quanto si possa fare oggi. Certe sue argomentazioni oggi sarebbero "attenzionate" dalle forze dell'ordine. Ai tempi poté persino dirigere, anche se per un solo mese, un giornale conservatore. Ma era un'Italia davvero laica e gli editori non avevano altri interessi, talora inconfessabili.
    Permettimi poi una notazione del tutto personale: allora si viveva meno soli, non ci sarebbe stato bisogno di supplire rapporti con l'elettronica.

    RispondiElimina
  9. non sai (o lo sai benissimo) quanto hai ragione ...

    RispondiElimina
  10. Davvero un bel post, e sono contenta di averlo, almeno in parte, ispirato... In fondo ci contavo che il buon Ragazzoni ti sarebbe piaciuto! :D
    Ciao, e grazie per la citazione!

    RispondiElimina
  11. Gavagai, finalmente! Grazie a te!

    RispondiElimina
  12. PS (per scrupolosità): ti metto qui il finale della poesia dei "locomotivini", che sulla raccolta "Buchi nella sabbia" non era presente, perché secondo me risponde molto bene alla tua domanda: "E se le locomotive fossimo noi...?"

    Nota dell'autore:
    Così, fantasticando
    questi lor sogni tàngheri
    avvien, che, a quando a quando,
    qualche macchina sia
    presa da acuti accessi di follia;
    ed è allora che va fuori dei gangheri,
    e, quel che è peggio, dei binarii,
    causando cos de' gravissimi e spiacevolissimi
    accidenti ferroviarii.

    Un saluto, sperando che gli accessi di follia non colgano anche noi! :)

    RispondiElimina
  13. Non so perché ma mi viene in mente la locomotiva come una cosa viva lanciata a bomba contro l'ingiustizia... forse le idee di Ragazzoni, forse la mia inguaribile guccinaggine.

    RispondiElimina
  14. Pop, sulla voce che circola basta applicare, all'inizio un po' di buon senso (e Cartesio diceva che era la cosa più diffusa) in seguito un po' di confronti (che è quello che fa la scienza, cioè l'abbandono delle opinioni senza controllo).
    Sui parlatori dai palchi o meno, qualcosa comunque tutti chiedono. Hai ragione quando dici che se le condizioni sono stabilite è tutto più semplice, pure, se io dovessi candidarmi con intento puro, per modificare l'insoddisfacente esistente, come farei a avere una chance di farlo, se non dovessi chiedere il TUO voto?
    A proposito, hai poi saputo del mio ultimo libro...?
    ahahahaha
    (tranquillo, non l'ho mica scritto!)

    RispondiElimina
  15. Paopasc, il tuo libro lo comprerei senza presentazione. Per il voto dovresti prima convincermi che oggi serva a qualcosa...

    RispondiElimina
  16. Ti ringrazio per queste poesie di Ernesto Ragazzoni, che ho conosciuto tanto tempo fa grazie al suo canto del verme solitario, ricordi?
    Solo è Allah nel paradiso del profeta macometto,
    solo il naso in mezzo al viso,
    solo il celibe nel letto ...
    Carla

    RispondiElimina
  17. Peccato non citare "Buchi nella sabbia".

    RispondiElimina
  18. se volete farvi una risata leggetevi:
    "l'apologia dei culi d'orta"!

    RispondiElimina