domenica 7 marzo 2010

Palindromissimi


Il più lungo palindromo della lingua italiana (4587 lettere!) si deve a Giuseppe Varaldo, inarrivabile ludolinguista ligure, di cui mi sono occupato a proposito delle poesie monovocaliche esattamente un anno fa. Fu scritto in occasione della vittoria della nazionale italiana di calcio ai Mondiali di Spagna del 1982. Il testo di questo funambolismo linguistico è riportato integralmente qui sotto. Esaminatelo, misuratelo, sottoponetelo a scansione: non ci sono errori.

11 luglio 1982

Ai lati, a esordir, dama e re, Pertini trepida, tira lieti moccoli, dialoga - vocina, pipa... -, ricorre alle battute. È durata!... ne patì Trap: allena - mèritasi lodi testé - Juvitalia, mai amata.

Il boato n'eruppe su filato, mero atto d'ira: assorga da gai palati, ingoi l'arena! Si rise, noi: gara azzurra - felicità, reti - e ricca! Né tacerò pose, ire, rapidi miti; citerò paure... però meritan oro. Ci sono rari tiri? Sia! ma i latini eroi goderono di rigore - c'è fallo -; "Fatale far tale rete": lassa prosopopea nei peani dona aìre facile. Ma "fatale" malessere globi dilata, rene, vene ci necrotizza: ratto, vago, da finir al còre (l'oblierà? Dall'idea - l'Erinni! - trepiderà: tic e tac...)... Lapsus saliente (idra! sillabo!): non amai Cabrini; flusso acre - pus era? sudore? -, bile d'ittero ci assalì: risa brutali, amaro icore... Fiore italo, cari miei, secca, alidirà vizzito là, se sol - a foci nuove diretti, fisi - a metà recedete: l'itala idea di vis (i redivivi, noti, ilari miti!) trapasserà, inerte e vana, in italianità lisa, banal. Attutite relativa ira, correte: eterni onori n'avrete!

Sibili - tre "fi" - di arbitro: finita lì metà partita; reca loro l'animo di lotta, fidata ripresa! mira, birra ridà! attuta ire, bile! La si disse "eterea", la Catalogna: alla pari terrò cotali favolose ore... Notte molle, da re!

Poeti m'illusero "Va'!", "Fa'!", "Osa!") colla fusione - esile, serica, viva -, rime lepide, tra anelito d'età d'oro e rudezze d'orpello; così cederò all'eros, ai sensi rei; amai - l'amavo... – una grata città, la gag, la vita; nutro famosa cara sete, relativa a Lalo, Varese, De Falla, Petrassi, e Ravel, e Adam, e Nono... Sor... bene, totale opaca arte; né pago fui per attori, dive, divi (lo sarò?)... Là ogni avuto, mai sopito piacere s'evaporò, leggera falena era: se con amor, lì, alla cara - cotale! - virile sera - coi gaudi sereni, grevi da dare angine, beati - lo paragono, decàde a ludo, mollica, vile cineseria, onere. Sì! Taccola barocca allora rimane, meno mi tange: solo apatia apporterà, goffa noia...

Paride, Ettore e soci trovarono sì dure sorti - riverberare di pira desueta! - coi gelosi re dei Dori (trono era d'ira, Era, Muse); a Ilio nati e no, di elato tono, di rango, là tacitati - re... mogi -, videro Elleni libare, simil a Titani, su al Pergamo: idem i Renani e noi... "... caparbi", vaticinò - tono trepido -, ed ora tange là tale causale trofeo (coppa di rito è la meta della partita), trainer fisso; mìralo come l'anemone: fisso, raro, da elogi... D'animo nobile, divo mai, mai tetro, fatale varò la tattica.

Cito Gay, ognor abile devo dir: da Maracanà sono tacco, battuta... Ai lati issò vela l'ala latina Bruno: cerca la rete, si batte assai, opera lì, fora, rimargina... Bergomi, nauta ragazzo, riserra giù sì care fila: è l'età...

Coi gradi vedo - troppa la soavità... - capitano Dino, razza ladina. Rete vigila! dilàtati...!: la turba, l'arena, ti venera. Ad ogni rado, torpido e no, tirabile tiro, trapelò rapidità sua: parò (la tivù, lì, diè nitidi casi). Di tutto - fiero, mai di fatica, vivace - raccatta: e, se tarpate, le ali loro - è la verità - paion logore. Zoff (ùtinam !) è dei.. Parà: para... Piede, mani, tuffo: zero gol, noi a patire. Vale oro: lì, là... è l'età...

"Pratese, attacca! reca vivacità!", "Fidiamo!", "Rei sfottuti disaciditi!"... Nei diluvi, talora pausati, di parole partorite lì, baritone o di proto, da ring o da arene ("Vita nera là, brutalità tali da ligi veterani, da... lazzaroni!", "Dònati! pàcati! va'! osa!: l'apporto devi dar!", "Giocate leali, feraci!", "Su i garresi!", "Rozza gara!", "Tu, animo!", "Grèbani! Grami!", "Raro filare!"; poi: "Assaetta!", "Bis!" e "Ter!"), alacre, con urbanità, l'alalà levossi: "Italia!", a tutta bocca, tonò.

Sana cara Madrid, ove delibaron Goya... gotica città talora velata: forte ti amiamo! Vi delibo nomina di goleador a Rossi - fenomenale! -: mo', colà, rimossi freni artati (tra palle date male o tiri dappoco è forte la sua celata legnata), rode, o d'ipertono, tonicità, vibra. Pacione inane, rimediò magre, plausi - nati tali - miserabili nelle ore di Vigo (meritàti!); Catalogna ridonò totale idoneità - noi lì a esumare, a ridare onor -, tiro diede, riso; le giocate use – da ripide, rare, brevi, ritrose, rudi - son ora vorticose e rotte, e d'ira paion affogare (troppa?). Aìta, Paolo!: segna, timone mena, mira, rolla, accora, balòccati sereno, aìre - se Nice lì vacillò - modula e da' (cedono...): gara polita e benigna - e rada, di vergine residua... - gioca. Re s'è lì rivelato (Caracalla? Il romano Cesare!): anela, fa, regge loro, pavese reca...: ipotiposi amo. Tu va' in goal, ora! Sol, ivi, devi dirottare più foga: penetra a capo elato - tenebroso non è... -, ma da elevare, issar te, palla, fede, sera (vola, là) a vitale rete! Sarà caso... Ma Fortuna ti valga galattica targa, nuova malìa: mai Eris ne sia sorella! Or è deciso; colle prodezze, dure o rodate doti - lena, arte di Pelé, mira -, vivaci rese lì sé e noi: su fallo (caso a favore sul limite, opera dell'ometto nero) è solo, va filato, corre, tira, palla angolata cala... è rete!
Essi di sale, l'Iberia tutta a dir "Arriba!", rimaser. Pirata? Di fatto li domina... Loro lacerati tra patemi; Latini forti, braidi, fertili: bis e ter van, ìrono in rete... E terrò cari a vita: le reti; tutta l'anabasi latina; i Latini, a nave e treni, a ressa partiti (mìrali!); i toni vivi, derisivi, d'aedi alati; le tede cerate ("Mai sì fitte" ridevo: unico falò s'esalò, tizzi vari di là accesi); e i miracolati eroi, feroci...

Oramai la turba si rilassa: i coretti deliberò d'usare. Supercaos sul finir! Baciamano? No: balli sardi, etnei lassù (spalcate!); citaredi per tinnire, là, ed il "la" dare; il Bolero, clarini, fado, gavotta, razzi, torce (Nice n'è venerata) lì. Di bolge, resse, la melata famelica "feria" anodina è piena, e po' po' sorpassa l'etere la trafelata folla. Fecero giri d'onore: dogi o re, in Italia, mai si ritirarono sì coronati. Remore, Perù, aporetici timidi pareri... e sopore, catenacci reiterati, Cile, far ruzza: a ragione si risanerà lì ogni itala piaga; da grossa a ridotta, o remota, lì fu, seppure nota, obliata.

Mai amai la tivù: jet-set, idoli, satire...; ma nella partita - penata, rude e tutta bella: erro? - ci rapì: panico vago, lai di locco, mite ilarità di Pertini... tre pere a Madrid, rosea Italia!


Ancor più lungo è questo testo di Georges Perec, pubblicato nell'antologia dell’Oulipo, La littérature potentielle, Gallimard, Paris, 1973, generalmente ritenuto, con i suoi 6.376 caratteri, il più lungo palindromo narrativo mai scritto da mano umana fïno ad oggi.

9691

Trace l'inégal palindrome. Neige. Bagatelle, dira Hercule. Le brut repentir, cet écrit né Perec. L'arc lu pèse trop, lis à vice-versa.
Perte. Cerise d'une vérité banale, le Malstrom, Alep, mort édulcoré, crêpe porté de ce désir brisé d'un iota. Livre si aboli, tes sacres ont éreinté, cor cruel, nos albatros, tre las, autel bâti, miette vice-versa du jeu que fit, nacré, médical, le sélénite relaps, ellipsoïdal.
Ivre il bat, la turbine bat, l'isolé me ravale: le verre si obéi du Pernod - eh, port su! - obsédante sonate teintée d'ivresse.
Ce rêve se mit - peste! - à blaguer. Beh! L'art sec n'a si peu qu'algèbre s'élabore de l'or évalué. Idiome étiré, hésite, bâtard replié, l'os nu. Si, à la gêne secrète - verbe nul à l'instar de cinq occis -, rets amincis, drailles inégales, il, avatar espacé, caresse ce noir Belzebuth, œil offensé, tire!
L'écho fit (à désert): Salut, sang, robe et été.
Fièvres.
Adam, rauque; il écrit: Abrupt ogre, eh, cercueil, l'avenir tu, effilé, génial à la rue (murmure sud eu ne tire vaseline séparée; l'épeire gelée rode: Hep, mortel?) lia ta balafre native.
Litige. Regagner (et ne m'...).
Ressac. Il frémit, se sape, na! Eh, cavale! Timide, il nia ce sursaut.

Hasard repu, tel, le magicien à morte me lit. Un ignare le rapsode, lacs ému, mixa, mêla: Hep, Oceano Nox, ô, béchamel azur! Éjaculer! Topaze!
Le cèdre, malabar faible, Arsinoë le macule, mante ivre, glauque, pis, l'air atone (sic). Art sournois: si, médicinale, l'autre glace (Melba?) l'un? N'alertai ni pollen (retêter: gercé, repu, denté...) ni tobacco.
Tu, désir, brio rimé, eh, prolixe nécrophore, tu ferres l'avenir velu, ocre, cromant-né?
Rage, l'ara. Veuglaire. Sedan, tes elzévirs t'obsèdent. Romain? Exact. Et Nemrod selle ses Samson!
Et nier téocalli?
Cave canem (car ce nu trop minois - rembuscade d'éruptives à babil - admonesta, fil accru, Têtebleu! qu'Ariane évitât net.
Attention, ébénier factice, ressorti du réel. Ci-gît. Alpaga, gnome, le héros se lamente, trompé, chocolat: ce laid totem, ord, nil aplati, rituel biscornu; ce sacré bedeau (quel bât ce Jésus!). Palace piégé, Torpédo drue si à fellah tôt ne peut ni le Big à ruer bezef.
L'eugéniste en rut consuma d'art son épi d'éolienne ici rot (eh... rut?). Toi, d'idem gin, élèvera, élu, bifocal, l'ithos et notre pathos à la hauteur de sec salamalec?
Élucider. Ion éclaté: Elle? Tenu. Etna but (item mal famé), degré vide, julep: macédoine d'axiomes, sac semé d'École, véniel, ah, le verbe enivré (ne sucer ni arrêter, eh ça jamais!) lu n'abolira le hasard?
Nu, ottoman à écho, l'art su, oh, tara zéro, belle Deborah, ô, sacre! Pute, vertubleu, qualité si vertu à la part tarifé (décalitres?) et nul n'a lu trop s'il séria de ce basilic Iseut.

Il a prié bonzes, Samaritain, Tora, vilains monstres (idolâtre DNA en sus) rêvés, évaporés:
Arbalète (bêtes) en noce du Tell ivre-mort, émeri tu: O, trapu à elfe, il lie l'os, il lia jérémiade lucide. Pétard! Rate ta reinette, bigleur cruel, non à ce lot! Si, farcis-toi dito le coeur!
Lied à monstre velu, ange ni bête, sec à pseudo délire: Tsarine (sellée, là), Cid, Arétin, abruti de Ninive, Déjanire...
Le Phénix, éve de sables, écarté, ne peut égarer racines radiales en mana: l'Oubli, fétiche en argile.
Foudre.
Prix: Ile de la Gorgone en roc, et, ô, Licorne écartelée, Sirène, rumb à bannir à ma (Red n'osa) niére de mimosa:
Paysage d'Ourcq ocre sous ive d'écale;
Volcan. Roc: tarot celé du Père.
Livres.
Silène bavard, replié sur sa nullité (nu à je) belge: ipséité banale. L' (eh, ça!) hydromel à ri, psaltérion. Errée Lorelei...
Fi! Marmelade déviré d'Aladine. D'or, Noël: crèche (l'an ici taverne gelée dès bol...) à santon givré, fi!, culé de l'âne vairon.
Lapalisse élu, gnoses sans orgueil (écru, sale, sec). Saluts: angiome. T'es si crâneur!

Rue. Narcisse! Témoignas-tu! l'ascèse, là, sur ce lieu gros, nasses ongulées...
S'il a pal, noria vénale de Lucifer, vignot nasal (obsédée, le genre vaticinai), eh, Cercle, on rode, nid à la dérive, Dédale (M...!) ramifié?
Le rôle erre, noir, et la spirale mord, y hache l'élan abêti: Espiègle (béjaune) Till: un as rusé.
Il perdra. Va bene.
Lis, servile repu d'électoral, cornac, Lovelace. De visu, oser?
Coq cru, ô, Degas, y'a pas, ô mime, de rein à sonder: à marin nabab, murène risée.
Le trace en roc, ilote cornéen.
O, grog, aie d'elixir perdu, ô, feligrane! Eh, cité, fil bu!
Oh! l'anamnèse, lai d'arsenic, arrérage tué, pénétra ce sel-base de Vexin. Eh, pèlerin à (Je: devin inédit) urbanité radicale (elle s'en ira...), stérile, dodu.
Espaces (été biné? gnaule?) verts.
Nomade, il rue, ocelot. Idiot-sic rafistolé: canon! Leur cruel gibet te niera, têtard raté, pédicule d'aimé rejailli.
Soleil lie, fléau, partout ire (Métro, Mer, Ville...) tu déconnes. Été: bétel à brasero. Pavese versus Neandertal! O, diserts noms ni à Livarot ni à Tir! Amassez.
N'obéir.

Pâli, tu es ici: lis abécédaires, lis portulan: l'un te sert-il? A ce défi rattrapa l'autre? Vise-t-il auquel but rêvé tu perças?
Oh, arobe d'ellébore, Zarathoustra! L'ohcéan à mot (Toundra? Sahel?) à ri: Lob à nul si à ma jachère, terrain récusé, nervi, née brève l'haleine véloce de mes cassemoix a (Déni, ô!) décampé.
Lu, je diverge de ma flamme titubante: une telle (étal, ce noir édicule cela mal) ascèse drue tua, ha, l'As.
Oh, taper! Tontes! Oh, tillac, ô, fibule à rêve: l'Énigme (d'idiot tu) rhétoricienne.
Il, Œdipe, Nostradamus nocturne et, si né Guelfe, zébreur à Gibelin tué (pentothal?), le faiseur d'ode protège.
Ipéca...: lapsus.
Eject à bleu qu'aède berça sec. Un roc si bleu! Tir. ital.: palindrome tôt dialectal. Oc? Oh, cep mort et né, mal essoré, hélé. Mon gag aplati gicle. Érudit rosse-récit, ça freine, benoît, net.
Ta tentative en air auquel bête, turc, califat se (nom d'Ali-Baba!) sévit, pure de - d'ac? - submersion importune, crac, menace, vacilla, co-étreinte...

Nos masses, elles dorment? Etc... Axé ni à mort-né des bots. Rivez! Les Etna de Serial-Guevara l'égarent. N'amorcer coulevrine.
Valser. Réfuter.
Oh, porc en exil (Orphée), miroir brisé du toc cabotin et né du Perec: Regret éternel. L'opiniâtre. L'annulable.
Mec, Alger tua l'élan ici démission. Ru ostracisé, notarial, si peu qu'Alger, Viet-Nam (élu caméléon!), Israël Biafra, bal à merde: celez, apôtre Luc à Jéruzalem, ah ce boxon! On à écopé, ha, le maximum!

Escale d'os, pare le rang inutile. Métromane ici gamelle, tu perdras. Ah, tu as rusé! Gain! Lied imité la vache (à ne pas estimer) (flic assermenté, rengagé) régit.
Il évita, nerf à la bataille trompé.
Hé, dorée, l'Égérie pelée râpe, sénile, sa vérité nue du sérum: rumeur à la laine, gel, if, feutrine, val, lieu-crèche, ergot, pur, Bâtir ce lieu qu'Armada serve: if étété, éborgnas-tu l'astre sédatif?
Oh, célérités! Nef! Folie! Oh, tubez! Le brio ne cessera, ce cap sera ta valise; l'âge: ni sel-liard (sic) ni master-(sic)-coq, ni cédrats, ni la lune brève. Tercé, sénégalais, un soleil perdra ta bêtise héritée (Moi-Dieu, la vérole!)
Déroba le serbe glauque, pis, ancestral, hébreu (Galba et Septime-Sévère). Cesser, vidé et nié. Tétanos. Etna dès boustro-phédon répudié. Boiser. Révèle l'avare mélo, s'il t'a béni, brutal tablier vil. Adios. Pilles, pale rétine, le sel, l'acide mercanti. Feu que Judas rêve, civette imitable, tu as alerté, sort à blason, leur croc. Et nier et n'oser. Casse-t-il, ô, baiser vil? A toi, nu désir brisé, décédé, trope percé, roc lu. Détrompe la. Morts: l'Ame, l'Élan abêti, revenu. Désire ce trépas rêvé: Ci va! S'il porte, sépulcral, ce repentir, cet écrit ne perturbe le lucre: Haridelle, ta gabegie ne mord ni la plage ni l'écart.

Georges Perec Au Moulin d'Andé, 1969


Non a caso ho parlato di mano umana a proposito di Perec. Il palindromo creato dallo scienziato informatico ed esperto di IA Peter Norvig, attualmente direttore di ricerca alla Google, che consta di 17.259 parole inglesi per un totale di 74.633 lettere, è stato realizzato con un programma apposito. Per me andrebbe squalificato, anche perché non ha alcun senso compiuto, essendo una semplice elencazione di parole.

32 commenti:

  1. Tutta gente estremamente malata. Non oso nemmeno pensare che possente mal di testa pensare o solo anche controllare, da capo a piè, la palindroma sequenza!

    RispondiElimina
  2. Ben ritrovato, Paolo! Per me sono malati meno di altri. C'è gente che passa il suo tempo a fare leggi per adattare la realtà ai suoi desiderata, una forma di follia assai perniciosa, che mi fa diventare viola dalla rabbia.

    RispondiElimina
  3. Concordo con la risposta di popinga.

    E mi viene in mente un libro che nella sua apparente inutilità mi è caro: si tratta di un saggio di Wilhelm Pötters intitolato «Chi era Laura?», il cui sottotitolo recita: Strutture linguistiche e matematiche nel Canzoniere di Francesco Petrarca.

    Il volume è stato edito nel 1987 dal Mulino.

    Secondo il Pötters il ciclo di poesie del Canzoniere costituirebbe, nella costruzione formale, un edificio matematico destinato a fornire, attraverso una presentazione che il Pötters stesso definisce “labirintica”, una serie di risultati che riguardano il problema della misurazione del cerchio, raggiungendo approssimazioni la cui accuratezza è, per l’epoca del poeta, del tutto singolare.

    Si arriverebbe infatti a un p greco esatto fino alla settima cifra decimale.

    Leggere cose del genere dà più soddisfazione che ascoltar ciance di legulei da strapazzo che - pro domo sua - fan strame di qualsivoglia principio.

    nick the old

    RispondiElimina
  4. Nick, se fai un'articolo lo pubblichiamo, che la cosa mi intriga. ;)

    RispondiElimina
  5. Nick dai l'articolo!!!
    Anche se sono scettico sulla tesi del Pötters.
    Invece non tutti sanno che in Unix/Linux esiste il comando rev che reversa la stringa.
    Provare:
    echo avorp anu è atseuq | rev
    Non usate Linux? peggio per voi.

    RispondiElimina
  6. C'è stato un periodo che mi piaceva tanto studiare la metrica e quella cosa di Petrarca la conoscevo, che non è tanto il discorso del pi greco, ma la struttura matematico-linguistica del sonetto e la Scolastica medievale eccetera, che adesso non mi ricordo bene, perchè è passato tanto tempo. Il pi greco c'entra solo marginalmente, mi ricordo bene che non avevo memorizzato il pi greco, di quel saggio, ma altre cose e collegamenti. Ma è un saggio molto bello, ha ragione nick the old, anche se non ce l'ho qui, me lo ricordo soltanto. Popinga leggi questo, se vuoi, qui quel saggio viene citato correttamente e inserito in un contesto sulla struttura del sonetto. Poi a Castel del Monte bisogna andarci, e leggere delle cose lì dentro, da soli, per capire bene, secondo me. E' solo "secondo me", ma ci sono luoghi dove le cose ci capiscono meglio e i ricordi si fissano, anche se sono ricordi errati. I ricordi errati sono indelebili.
    B

    http://docs.google.com/viewer?a=v&q=cache:DAIDdawA0LkJ:siba2.unile.it/ese/issues/252/585/filv14p93-106.pdf+Chi+era+Laura%3F+Strutture+linguistiche+e+matematiche+nel+Canzoniere+di+Francesco+Petrarca&hl=it&gl=it&pid=bl&srcid=ADGEESgD4YaN3wo_52VFDcVBzCQJTtA3vl6Y-95E1WguIypnTtgMxZHAV40BxC5S7jFB-WEXkXeNbrQECWf3L0xgfa2KlS6yQk7kqVOV0J9G9jP6Ocpun_vPX5HqqF081fWX1WwZy0ws&sig=AHIEtbSXhx06lAyC-qbYABVFa0LIdCfVaw

    RispondiElimina
  7. Pop, ma anche il decreto interpretativo è palindromo! se lo leggi al contrario ci leggi i protocolli dei savi di sion!

    RispondiElimina
  8. B.: Grazie del link. Bellissima la citazione di Hans Magnus Enszenberger (o come Teufel si scrive) in nota 2.

    Paopasc: Urca, non me n'ero accorto. Allora Napolitano è uno dei Savi? E noi zater pret ni arev è antico ebraico?

    RispondiElimina
  9. Ciurbis! altro che io che ero rimasto all'accavallavacca!. Il decreto poi è in linea assoluta con i dettami del buon senso. Le regole si devono applicare solo a chi non ha la forza morale ed economica di sbattersene. (Pandette del Ministero della Corruzione di Surakhis - Ammasso stellare M321).

    RispondiElimina
  10. laperfidanera08/03/10, 13:58

    Grazie per non aver fatto uno dei soliti post sulla festa della donna: anni fa aveva un senso (l'ha ancora) ma ora mi pare diventare sempre più simile alla festa della mamma o a san valentino o altre consimili baggianate consumistiche.
    Ciao
    LPN

    RispondiElimina
  11. laperfidanera08/03/10, 14:53

    Sono troppo pigra, dovresti segnalare la lettera centrale (con un colore, con il grassetto o come credi) perché si possa anche solo iniziare a provare l'esattezza. Lo so, hai dato il numero totale, basterebbe contare, però come ho detto io sono pigra, e forse non sono la sola.
    Saluti
    LPN

    RispondiElimina
  12. LPN: ammetterai che l'anno scorso la Ballata delle donne di Sanguineti era un bel omaggio...
    Ciao!

    RispondiElimina
  13. laperfidanera08/03/10, 15:06

    Mi hai costretta, pigra come sono, ad andare a leggere il post dell'anno scorso, che avevo saltato a piè pari credendo fosse una delle solite sdolcinature (ancora non ti conoscevo abbastanza, avevo appena iniziato a leggerti). Bello.
    Comunque sulla festa della donna io penso "non fiori (mimose o lo que sea) ma opere di bene, ovvero rispetto e considerazione".
    LPN

    RispondiElimina
  14. Pop,
    ma tu hai davvero controllato l'esattezza dei palindromissimi?
    Io, più pigra di LPN! :-)
    e ora, brava brava, anch'io vado a leggere il "post dell'anno scorso" :-)

    g

    RispondiElimina
  15. LPN e Giovanna: ho evidenziato la lettera centrale del palindromo di Varaldo. Adesso, donne di poca fede, controllate voi...

    RispondiElimina
  16. Per le gentili signore (e anche per tutti gli altri) potrei approntare uno scriptino che lo fa in automatico. Ma dovreste installare un interprete python o scheme. Certo che se vi decideste a usare un S.O. serio (tipo Ubuntu) tutto questo ce l'avreste aggratiss.
    Auguri a tutte le donne, in particolare a LPN.

    RispondiElimina
  17. Juhan: il perfido sei tu! ;)

    RispondiElimina
  18. C'è un gomblotto contro di me! Adesso lo dico Allui. E anche a La Russa e Schifani.

    RispondiElimina
  19. laperfidanera08/03/10, 17:31

    juhan, sfotti? perfidissimo!

    RispondiElimina
  20. A me piacciono i palindromi, ma questi sono troppo lunghi, e perdono legibilita'. Ovviamente tanto di cappello a chi e' in grado di mettere in piedi una roba del genere... Ma su questo trovo che abbia ragione Bartezzaghi (Stefano): meglio i piu' componimenti anagrammatici, dove ogni verso e' un palindromo. Me ne ricordo a memoria uno molto breve (2 soli versi), ma che trovo bellissimo; purtroppo non mi ricordo piu' l'autore:

    "Era l'ibis a sibilare,
    o fu l'Ufo?"

    Quanto a me, non sono mai stata molto brava coi palindromi. Il piu' lungo che ho composto era una descrizione anatomica di una appena tre parole (mi ricordo vagamente che iniziava come "eretto, fa...", ma non saprei minimamente dirvi come continuasse). :D
    Gavagai

    RispondiElimina
  21. A proposito di decreto interpretativo: ecco un piccolo generatore automatico di decreti analoghi:

    http://metilparaben.blogspot.com/2010/03/generatore-automatico-di-decreti-legge.html

    Dopo di che vado anch'io a leggermi il post dell'anno scorso sulla festa delle donne, con un anno di ritardo (ma forse sono ancora in tempo, sperando che passi il decreto "i post di un blog si ritengono letti se il lettore si trova connesso a internet entro la chiusura del blog stesso")...
    Gavagai

    RispondiElimina
  22. Concordo, Gavagai. Questi esercizi sono affascinanti, ma costituiscono il tipico monstrum, la cosa da far vedere per stupire.
    Non riesco invece a capire il tuo palindromo, che cosa c'entra il fattore?

    RispondiElimina
  23. Mitica Gavagai! Adesso capisco perché posti anonima! & buona festa della donna (con largo anticipo).

    RispondiElimina
  24. Cmq il tizio della fotina è Philippe Petit. Ciao, vado affàre un po' di jogging all'indietro al palindrodromo.

    RispondiElimina
  25. Sì, Colapesce, proprio il sovversivo del funambolismo, il funambolo sovversivo.

    RispondiElimina
  26. In effetti leggerselo tutto è ardimentoso, ma per essere stupefacente, stupefà. E rimane sempre coerente nello stile e aderente al tema. Ci vuole fegato per buttarsi in un'impresa linguistica del genere... Credo che le "tre pere a Madrid, rosea Italia" siano state un bell'input motivazionale.

    RispondiElimina
  27. Beh Popinga, io è mezz'ora che cerco di fare il palindromo della frase di Profeta Incerto, che non mi veniva il finale e allora pensavo: Ma qui son tutti così intelligenti che sicuramente c'è qualcosa che mi sfugge, a me. Poi sono stata colta da un dubbio: ma che, si parlava per caso di calcio? Eh?
    B

    RispondiElimina
  28. @Popinga
    Il fattore non c'entra (a meno che non sia un fattore di "potenza", che qualcosa potrebbe averci comunque a che fare). O forse il tuo era un modo di suggerire un altro palindromo(=E' rotta, fattore)? Saluti!
    Gavagai

    RispondiElimina
  29. B.: "tre pere a Madrid, rosea Italia" è ovviamente un riferimento calcistico. Varaldo non è tossicomane.

    Ia, Gavagai... sei una furbina... ;)

    RispondiElimina
  30. tre pere a Madrid, rosea Italia
    Peccato, per una sola letterina = Ai lati a esordir Dama e Rupert (ti giuro Popinga che Dama è un calciatore, e Rupert un allenatore e che anche questo è calcio e che anche questo avrebbe potuto essere un palindromo). E io sono una nocotinomane, questo è sicuro.
    B

    RispondiElimina
  31. non credo alle cose che leggo... sono contento, molto contento
    grazie

    RispondiElimina
  32. http://www.iltuocruciverba.com/il-palindromo-piu-lungo-del-mondo-nuovo-record/

    RispondiElimina