domenica 10 giugno 2012

Che i diga pur sti gran profesoroni



Che i diga pur sti gran profesoroni,
che ne l’economia stà la virtù,
che la consiste nel tassar de più
ea popoassion col cuo tuto taconi;

Che bisogna stare tuti bei e boni
intanto che a Borsa la và in giù,
che s’anca l’Italia và col cuo in su
ghe xe eori che ciappa e decisioni.

Opinion le xè tutte dite a caso:
pensae solo per il lor solazzo;
lo sà ben quei che gà bon naso.

Par mi sostento de non èser pazzo
perché mi son del fatto persuaso,
che sti banchier i ga roto el cazzo.

Un sonetto composto parodiando Giorgio Baffo, in un italo-veneziano di mio conio. Ringrazio l’amica Laura Baita per la consulenza linguistica, la simpatia e la pazienza.

5 commenti:

  1. ga roto ga roto altroché se ga roto.

    RispondiElimina
  2. La grafica era più bella prima.

    RispondiElimina
  3. Ades anche cun le lengue furestere. Roba da mat!
    Però, venta dilo: brau Kees, bin fait.

    RispondiElimina
  4. Scusa sa, Popinga...,
    "casso", non "cazzo", che no vorìa che quei manigoldi no i capisse bén queo che i gà roto...
    e pasiensa se a rima ghe ne sofre...
    :-)

    RispondiElimina
  5. Lo so, Morena, ma volevo essere comprensibile il più possibile. E poi anche il Baffo usa Cazzo, all'italiana, e anche Cul, mentre usa la lingua veneziana per la Mona, dove si sente a casa. ;-)

    RispondiElimina