martedì 6 aprile 2010

La terra non gira intorno al sole


Di Silvio Corradi, nato a Fontanellato (PR) l’11 luglio 1890 non c’è alcuna traccia in rete. Devo pertanto accontentarmi dell’unica fonte biografica che ho a disposizione, cioè quanto dice di lui, nell’indirizzo al lettore che apre la sua opera, l’ing. Aldo Mazza, “già assistente alla Cattedra di Elettrochimica del Politecnico di Milano e già Direttore del Reparto Prove Statiche e di Rottura della Società Aeroplani Caproni in Milano”. Dalle note del pensionato Mazza sappiamo che Corradi era un agricoltore con il pallino delle invenzioni, che aveva già pensato, molto prima degli americani, a un sistema per far piovere bombardando le nuvole con ghiaccio secco e aveva inventato un dispositivo per la regolarizzazione automatica dell’inalveamento dei corsi d’acqua, collaudato con successo sul torrente Parma. Un tipo ingegnoso, che si era meritato trafiletti elogiativi sui giornali dell’epoca, come il Tempo, la Gazzetta di Parma e il Corriere d’informazione. Di Corradi abbiamo anche una fotografia che lo ritrae sessantaduenne nel frontespizio della sua opera più ambiziosa, che costituisce l’oggetto di questo mio articolo. Il libretto che ha attirato la mia curiosità in un mercatino dell’usato ha infatti un titolo importante: La terra non gira intorno al sole. Guardiamo il cielo e potremo capire il vero moto della terra e degli astri ed è stato edito nel 1952 a Cremona, probabilmente a spese dell’autore (poi tradotto e pubblicato anche in francese due anni dopo).

Corradi appartiene alla schiera dei confutatori di Copernico, che vanta rappresentanti sempre più sparuti ma attivi ancor oggi, non necessariamente tra gli estremisti religiosi. Il suo trattatello ignora completamente le scoperte astronomiche degli ultimi due secoli e lo scienziato più recente al quale fa riferimento è von Helmholtz. Di Einstein nessuna traccia, e nessuna degli astronomi del Novecento. Le sue fonti sono scarne: l’Enciclopedia Pomba per la famiglia, UTET, probabilmente l’edizione del 1950 in due volumi, l’Enciclopedia Storica delle Scienze e delle loro applicazioni di Arturo Uccelli, Hoepli, 1940, e due libri del naturalista francese dell’Ottocento J. H. Fabre, La terra (orig. fr. 1865) e Il cielo (orig. fr. 1867), pubblicati entrambi da Sonzogno, rispettivamente nel 1927 e 1928. Ma egli ha dalla sua un grande ingegno e la capacità di rappresentare le sue idee con strumenti semplici ed efficaci: un’arancia infilzata da un pezzo di fil di ferro è la terra con il suo asse, il soffitto e le pareti di una stanza sono la volta celeste con lo zodiaco e i punti cardinali. Costruirà anche un planetario meccanico per illustrare le proprie idee, premiato al “Concorso Internazionale delle invenzioni” di Parigi in quello stesso 1952, tuttavia inspiegabilmente ignorato dal mondo scientifico: “vi furono applausi, ma poi più nulla, il più ermetico silenzio”.

Tutta la sua teoria parte dal fatto che l’asse terrestre è sempre rivolto verso la Stella Polare, vero centro del sistema corradiano. E se l’asse della Terra è sempre parallelo a se stesso, il moto di rivoluzione implica, secondo gli eliocentristi, che il nostro pianeta avanza lungo la sua orbita ora con il polo Nord (da giugno a dicembre), ora con quello Sud (da gennaio a giugno): “Nelle condizioni date, un corpo libero nello spazio non potrà mai obbedire a questo schema di moto pendolare”. Inoltre, in qualsiasi momento dell’anno, in ogni posizione della sua orbita, l’asse terrestre si incontra con la Stella Polare, fatto non spiegabile con il suo moto di rivoluzione. Corradi è pronto a replicare alle possibili obiezioni, come spiega in questo passo:

"Si dice che questo può avvenire perché la Stella Polare è all'infinito. Si ricorre agli anni–luce. Le vertiginose distanze che, dapprima, sono state accettate per poter giustificare la convergenza dell’asse terrestre sulla Stella Polare pur essendo sempre parallelo a se stesso, sono diventate ora la premessa base di ogni considerazione, cosicché i fenomeni che tutti possiamo osservare e controllare, vengono minimizzati al punto da essere completamente trascurati.
Si dice che di fronte alla distanza di 31 anni luce a cui si trova la Stella Polare, il nostro sistema (sole-terra-luna-pianeti) diventa un punto, cosicché anche l'angolo sotto la Stella Polare, diventa trascurabile e le rette che indicano la direzione dell'asse terrestre diventano parallele o meglio si identificano.
Prima di tutto, per definizione, le rette parallele non si incontrano nemmeno all'infinito e poi, anche se la Stella Polare è all'infinito la sua immagine non lo è più e in nessun modo può creare il parallelismo. Un esempio pratico chiarirà il mio pensiero. Tutti i cacciatori del Nord possono mettere a punto il loro fucile sulla stessa Polare, ma se due fucili sono paralleli fra loro anche alla sola distanza di un metro l'uno dall'altro, uno solo di essi potrà essere messo a punto sulla Stella Polare. (eh?, NdR)
Inoltre il sole dovrebbe trovarsi in linea con la Stella Polare il che non sì verifica mai. In linea con la Stella Polare c'è la terra. Come infatti si spiegherebbe la simmetria del globo celeste con il globo terrestre se in linea con la Stella Polare ci fosse il sole?
(…)
Vorrei che qualche studioso, dalle stelle, scendesse al livello del nostro sistema solare e dei suoi movimenti, meditasse queste cose con animo obiettivo e la mente sgombra da preconcetti e da astrazioni che paralizzano ogni possibilità di comprensione".

Anche le fasi dei pianeti andrebbero spiegate diversamente. I loro moti da oriente a occidente, talvolta retrogradi, e le loro variazioni di luminosità sono stati spiegati con la collocazione delle loro orbite, interna o esterna, rispetto all’orbita terrestre attorno al sole. Ma “Dopo un certo periodo, diverso da pianeta a pianeta, ma sempre uguale per ciascun pianeta, ognuno di essi viene a descrivere una linea chiusa fra le costellazioni zodiacali”.

“Tutto quanto riguarda i pianeti ha sempre fatto molto meditare, ma limitiamoci ad osservare le figg. 13 e 14. Non guardiamo il volume del sole rispetto ai pianeti. Guardiamo la terra. Essa volge ai pianeti l’emisfero illuminato dal sole, ha quindi pieno giorno. Di notte i pianeti interni non li dovrebbe mai vedere.
Di giorno, in congiunzione inferiore non li dovrebbe vedere perché mascherati dai raggi solari e in congiunzione superiore o in semplice congiunzione per i pianeti esterni, non dovrebbe più che mai vederli perché posti dietro la massa solare.
Questo dimostra ancora una volta, a quali complicazioni si arriva quando si vuole, ad ogni costo, conciliare i fatti con una teoria che non corrisponde”.


E la Luna? Per il Corradi bastano poche righe:

“Se consideriamo il movimento della luna intorno alla terra, mentre entrambe compiono il giro intorno al sole, dobbiamo tener conto che la distanza della luna dal sole subisce variazioni fortissime passando da luna persa (tra il sole e la terra e quindi più vicina al sole della terra stessa) a luna piena (dalla parte opposta della terra rispetto al sole), variazione che si calcola arrivi fino a circa 760 mila chilometri. Ma la variazione di distanza dal sole porta a una variazione proporzionale di spazio da percorrere e allora come potrebbe, la luna, mantenere invariata la sua velocità? (…) II moto della luna adattato al sistema solare in cui la terra è rigidamente fissa in tutte le posizioni per mantenere l'asse parallelo a se stesso, non è imitabile da nessun mezzo meccanico. Chi pretendesse di far girare un motoscafo intorno ad una nave in rotta, presentandole sempre il medesimo fianco e mantenendo una velocità costante, si metterebbe in una impresa impossibile”.

Terminata la pars destruens, è tempo per il Nostro di innalzare il suo edificio sulle macerie del sistema copernicano. Devo dire che questa è la parte meno convincente del testo, spiegata male, confusa e scricchiolante. D’altra parte, si sa, ad alcuni viene più facile distruggere che costruire e il Corradi forse paga il fatto di non aver avuto seguaci che potessero perfezionare la sua costruzione.

La parte intitolata Il sistema nuovo esordisce ribadendo il concetto iniziale: il moto della terra si spiega solo tenendo conto della costante inclinazione dell’asse terrestre sulla Stella Polare. Inoltre, se confrontiamo le posizioni assunte dal meridiano terrestre durante un’intera rotazione sotto i diversi fusi celesti (le costellazioni dello Zodiaco) “in determinate ore del giorno e della notte e le posizioni assunte dalla terra durante il giro annuo, vediamo che, nei riguardi del globo celeste, le posizioni sono perfettamente corrispondenti. (…) I due moti apparenti, diurno e annuo, della volta celeste sono perfettamente corrispondenti e questo garantisce che il sole non è al centro del movimento”.

L’inclinazione dell’asse terrestre è spiegata con il fatto che i continenti e i mari non sono distribuiti uniformemente, ma i primi sono ammassati maggiormente nell’emisfero boreale: la maggiore densità della terra rispetto all’acqua determina una differenza di peso dei due emisferi (sic). Questa differenza fa sì che l’asse terrestre, a nord sempre rivolto verso la Stella Polare, a sud, nell’emisfero “più leggero”, ruota, descrivendo un cerchio: l’asse terrestre descrive un cono, ecco perché al Sud non c’è una stella corrispondente alla Polare. Questo cono, che nel sistema eliocentrico è un bicono con vertice nel centro della terra e ha conseguenze solo sulla precessione degli equinozi, nel sistema corradiano è in grado di spiegare anche l’alternarsi del dì e della notte e l’andamento delle stagioni.

Nel “sistema nuovo” la Luna “è esonerata dal moto vertiginoso intorno al sole, a velocità fantastica che così poco si addice alla sua serena tranquillità”.  La Luna rivolge a noi la stessa faccia per il semplice motivo che è trascinata dal moto rotatorio della terra e ruota con lei. Le sue fasi sono determinate dal fatto che l’asse terrestre punta sempre verso nord, mentre quello della luna no. E che cosa fa muovere la terra? Le differenze di temperatura tra il giorno e la notte! Sentiamo il Corradi, che qui sembra dare il meglio (il peggio) di se stesso:

“Il sole trasmette la sua energia di moto agli astri e alla terra, attraverso l'atmosfera in un gioco di riscaldamento, evaporazione, dilatazione e alleggerimento dalla parte rivolta verso il sole, raffreddamento, condensazione e appesantimento dalla parte opposta. Le correnti calde, umide e leggere si portano dall'emisfero diurno all'emisfero notturno e per le leggi dell'equilibrio si genera il moto. Un esperimento semplicissimo che contiene il principio base di questo moto che, nei riguardi della terra è poi complicato da numerosissimi fattori, frenato e regolato dal contrappeso di materiale che, nella cavità interna della terra, non partecipa solidale alla rotazione, è il seguente: intorno ad una ruota ben centrata e scorrevole avvolgiamo diversi strati di panno. Facciamo assorbire al panno acqua in modo da avere una umidità uniformemente distribuita lungo tutta la circonferenza. Alla ruota così preparata e ferma avviciniamo una sorgente di calore e facciamo in modo che il calore si trasmetta soltanto di fronte, in una parte limitata della circonferenza mobile circondata dal panno umido. Dopo un certo tempo la ruota si mette in moto precisamente nel senso della terra. (…) La fascia degli Alisei, sotto l'impulso del sole, fa ruotare la terra su se stessa, e, nello stesso tempo la trascina nel moto annuo regolato da forze di attrazione e repulsione solare”. La terra gira su se stessa trascinata dagli alisei!

La Luna, per dirla con il Corradi, è esonerata anche dalla responsabilità delle maree. Il suo influsso sui mari è trascurabile, e l’equivoco nasce dal fatto che essa si trova sempre al centro dell’irradiazione solare, trovandosi così al centro delle ampiezze di alta e bassa marea.

Anche le correnti oceaniche sono determinate dal riscaldamento solare. “Le acque, cioè, si spostano costantemente verso il sole, ossia nella direzione in cui vengono ad essere maggiormente e più direttamente investite dai raggi solari. Il polo che si appesantisce per l'arrivo delle correnti si va alleggerendo con l'evaporazione delle acque per azione del sole, e la corrente di vapore più leggera risale verso il polo più alto e ivi si condensa ristabilendo le condizioni che aiutano il moto della terra.
Le correnti di vapore calde e leggere si alzano molto e vanno in senso, inverso delle correnti marine. A dicembre e a giugno avviene l'inversione anche di queste correnti di vapore e il loro incontro con le correnti fredde o asciutte è causa di cicloni a volta spaventosi. Come già detto, le cause perturbatrici sono moltissime ma non vi è dubbio che il movimento base delle correnti oceaniche scaturisce dal moto della terra inclinata costantemente sulla Stella Polare”.

Il finale è pirotecnico, con atomi, esplosioni vulcaniche, aurore boreali e pozzi metaniferi inesauribili mescolati con una coerenza che sfugge al lettore. Il Nostro si lascia prendere la mano e il suo sistema gli sembra in grado di spiegare anche fenomeni lontani da quelli astronomici: l’originalità di un fou littéraire si mescola sempre con un certo grado di presunzione.

“Fino a che si pensa la terra girare intorno al sole in un moto impossibile non si troveranno mai vere soluzioni. E mentre ora si concepisce l'atomo come un microcosmo in cui, per analogia con l'attuale concezione del sistema solare, gli elettroni circolano intorno ad un nucleo centrale, sarà la conoscenza più profonda e sperimentale della vera costituzione dell'atomo a stabilire la verità sui moti celesti.
In questo sistema, così aderente alla realtà, le velocità e le distanze rientrano in termini concepibili dai sensi, tutto prende un significato nuovo e si apre un vastissimo orizzonte alle concezioni e alle interpretazioni dei fenomeni che ora lasciano sempre perplessi.
Il percorso annuo della terra è notevolissimamente ridotto e di conseguenza la velocità di traslazione, cosicché si possono concepire coesistenti gli altri movimenti della terra quali la nutazione e la rotazione stessa.
Se si tiene conto che la gigantesca esplosione del vulcano Krakatoa (26-8-1883) lanciò a grandi altezze una enorme quantità di polveri che, per ben tre anni, rimasero nell'atmosfera formando un anello equatoriale esteso al 20° di latitudine Nord, compiendo più volte il giro del globo, si ha la conferma che Saturno, pianeta eminentemente vulcanico, più calmo e più vicino di quanto non lo si creda ora, ha anch'esso gli anelli di materiale vulcanico.
Il mio planetario, studiato a fondo, da la risposta logica a qualsiasi domanda, dice il perché di qualsiasi fenomeno.
(…)
Ci dice che le aurore boreali sono risucchi da parte delle zone polari, di gas infiammabili sprigionati nel ciclo terrestre e colorati dai riflessi solari.
Inoltre, cosa di somma importanza, ci assicura anche che, contrariamente a quanto asserito, il deposito o giacimento di gas metano di Cortemaggiore dopo 15 anni circa non sarà esaurito, ma continuerà a rinnovarsi.
In questa nuova concezione tutto si rivela così semplice nella causa e così straordinariamente meraviglioso negli effetti che vi si riconosce, inconfondibile, l'opera della Sapienza infinita di Dio”.

49 commenti:

  1. Di costui non avevo mai sentito parlare ma i confutatori di Copernico si nascondono ancora oggi in luoghi insospettabili. Ho letto di getto. Leggerò presto con più calma.

    RispondiElimina
  2. mi ha convinto , ma non sarà piatta la terra?

    RispondiElimina
  3. Enrico, l'unica certezza è che la terra ha non più di seimila anni, come dice la parola di Dio.

    RispondiElimina
  4. Beh io non sono in grado di commentare la sostanza, né quindi di confutare le tesi del misterioso Corradi, però Popinga rilevo le seguenti due considerazioni, di carattere esoterico-geografico=
    - Fontanellato è luogo di culto e pellegrinaggi. Personalmente lo trovo eccessivo soprattutto a ferragosto, e non mi é mai piaciuto più di tanto, però ci deve essere una strana atmosfera, lì.-
    - A Cortemaggiore lo sai chi ci é nato? Franco Fabrizi, te lo ricordi? E girava per il paese con un collo di pelliccia immenso e un cappotto bianco candidissimo, di ritorno da Cinecittà, proprio uguale ai personaggi buffi e meschini che ha sempre rappresentato. Grande attore, Fabrizi, ma anche Cortemaggiore deve essere un posto strano.

    Sulla stella polare e sui vulcani non conosco nessuno.
    B

    RispondiElimina
  5. B.: Cortemaggiore ospita la prima domenica del mese un bellissimo e grande mercato dell'usato e dell'antiquariato. Merita una visita. Nacque come capitale e città ideale dei Pallavicino, infatti ha una pianta a vie ortogonali.
    Fontanellato ha di bello la Rocca, il santuario mariano è il solito santuario mariano.

    RispondiElimina
  6. [T]utto prende un significato nuovo e si apre un vastissimo orizzonte alle concezioni e alle interpretazioni dei fenomeni che ora lasciano sempre perplessi, sì ma però:
    1) mi hai fatto perdere mezz'ora di tempo;
    2) l'anonimo B è sempre sensato anche se adesso mi viene il dubbio su Franco Fabrizi; chi era costui?
    3) per Enrico ma anche per il Maestro e per tutti gli altri: nessuno legge Terry Pratchett? e pensare che ormai sono piu di 40 i volumi del mondo disco (non li ho letti tutti ma mi sono fatto l'idea che è la vera verità e se volete ve ne parlo);
    4) certo che come contadino Silvio (Silvio?) Corradi era atipico: la luna c'entra in tutto, dalla semina dell'insalata al fare i salami; i miei fratelli per seguire la luna l'anno scorso ci hanno messo quattro mesi a riuscire a tagliare un rovere quasi centenario) vorrete mica che venga mangiato dalle camole?);
    5) la parallasse a me non mi ha mai convinto fino in fondo, secondo me è solo chiacchiericcio.
    P.S.: la stima del punto 1 è scarsa, aggiungere "abbondante".

    RispondiElimina
  7. Figura interessante, che a tratti fa quasi tenerezza... Mi ricorda un po' Giovanni Paneroni, anche se probabilmente il gelataio bresciano era ancora a un gradino piu' basso:

    http://www.massimopolidoro.com/blog/chi-si-ricorda-di-paneroni-per-lui-la-terra-non-girava.html

    Come al solito, grazie del post, Popinga. :)

    RispondiElimina
  8. laperfidanera07/04/10, 18:06

    È certo che i tizi eccentrici li trovi tutti tu!
    Non sarà che non ti piace la "normalità"? (tra virgolette a bella posta).
    Ciao
    LPN

    RispondiElimina
  9. LPN: in effetti...

    Gavagai: come al solito mi schiaffi lì con nonchalance notizie e nomi che non conoscevo!

    Juhan: chi fa parsec fa Star Trek.

    RispondiElimina
  10. Ecco, vedi, siamo in qualche misura anti--quello-che-vuoi-che-non-mi-viene: io preferisco di gran lunga Balle Spaziali di Mel Brooks. Che poi Mel si sia perso e abbia financo incontrato la banda di Striscia è un altro discorso.
    Però la frase è bella, credo che in futuro la riciclerò, citando la fonte.

    RispondiElimina
  11. Intanto la piattezza della terra è un fatto dimostrato SCENTIFICAMENTE (sì, dimostrato senza la i), anzi, Pop mi permetterai un inelegante ma irrefrenabile link autoreferenziale:
    http://profetaincerto.altervista.org/2009/12/27/dimostrazione-che-la-terra-e-piatta/

    Riguardo il sistema del mondo del Corradi è così antistorico che curiosamente mi aspetto venga rivalutato da un momento all'altro.

    RispondiElimina
  12. Profeta, permetterai di certo che inserisca per comodità il link al tuo storico, inimitabile post: Profeta iNCERTO: Dimostrazione che la terra é piatta

    RispondiElimina
  13. Scusa Popinga, so che qualche volta i miei commenti possono sembrare un po' saccenti, magari pure supponenti...
    Pero' la colpa e' tua: fai dei post talmente belli e interessanti, che viene voglia di ringraziarti. E visto che non posso sempre scrivere commenti fatti di soli "grazie", qualcosa ci devo pure mettere... Spero di non darti fastidio, nel qual caso la smetto.
    E, ancora una volta, grazie per tutte le follie letterarie che mi ha fatto conoscere in questi mesi di frequentazione del tuo blog... :)

    RispondiElimina
  14. Gavagai, il mio era un ringraziamento! I tuoi commenti sono un arricchimento per il blog di questo vecchio prof. di scienze curvo e incanutito... :)

    RispondiElimina
  15. laperfidanera08/04/10, 18:48

    Ma va' là, vecchio canuto! ti smentisce la tua foto nel post di febbraio '09 "Popinga premiato", dove appari un simpatico uomo maturo e scanzonato, con barbetta questa sì brizzolata!
    Ciao
    LPN

    RispondiElimina
  16. Grazie LPN, sono questi commenti che fanno rifiorire la giornata di un blogger, con voli di colorate farfalline, augelli che fan festa e allegri scampanii nell'orizzonte luminoso (non ho preso robe chimiche, eh).

    RispondiElimina
  17. Ma dimmi te! Davvero devo rovistare i vecchi post! C'è addirittura la foto di Popinga, altro che sacchetto in testa com'è uso.

    RispondiElimina
  18. Va bene, ragazzi, ho deciso di disvelarmi. Metto la foto sul profilo.

    RispondiElimina
  19. Scusa, colpa mia che ho frainteso. :)

    Comunque hai fatto bene a mostrare la foto: altro che prof di scienze curvo e incanutito... Ce ne fossero tanti di prof come te...! :D

    RispondiElimina
  20. sono solo una bambina di 12 anni ma so x cierto che dal nostro punto di vista sembra che il sole gira intorno alla terra formando un arco nel corso della giornata ma se ci progliettiamo fuori dalla terra e la terra che gira intorno al sole, a scuola lo stiamo studiando e andremo anche a scienze ander 18 e lo spiegero con la mia classe xche "epur si muove"ciao

    RispondiElimina
  21. Cara bambina di 12 anni, secondo me non sei quello che dici: sei molto più brava!

    RispondiElimina
  22. graziiiiiiiieeeeeeeee ma si dice sai e nn sei

    RispondiElimina
  23. "Bambina": nn so ki 6 e tu nn sai mai ki sa chi 6. Lo sai?

    RispondiElimina
  24. Non ho capito una cosa:

    Ma che Cazzo voleva dire?!

    Sembra un bambino che ha rotto un vaso e farfuglia per spiegare l'accaduto alla madre, oddio.

    Cmq, è tutto spiegato nella teoria della Relativià di Einstein, per chi ha un pò di cervello "matematico" per capirla, non è mai stata messa in dubbio.
    Il Sole(e le altre stelle) Deformano lo spaziotempo e la Terra gira tra le sue increspature spendendo il minimo dell'energia, inoltre è ancorata per forze di natura non inerziale come quella centrifuga/centripeta e non essendoci "attriti terrestri" non trova ostacoli nel suo giro ellittico attorno alla stella.

    Deficiente

    RispondiElimina
  25. Anonimo: questo blog si occupa da tempo dei folli letterari, cioè delle persone che hanno pubblicato idee o dottrine astruse, spesso in campo scientifico. Lo scopo è quello di far comprendere come certe categorie di persone, per i motivi più disparati (follia, ignoranza, anticonformismo, provocazione, ecc.) hanno voluto contestare dogmi e assiomi vigenti. Corradi era un ingegnoso contadino di poche letture, ma non merita assolutamente gli epiteti che gli rivolgi, innanzitutto perchè è figlio di un'epoca diversa, poi perché non tutti hanno la fortuna di compiere studi regolari. Troppo facile ridere di (e deridere) chi non sa, con un atteggiamento che giudico piuttosto arrogante. Ci vuole rispetto per tutti coloro che si impegnano per quello che credono. Un'ultima cosa: quel "Deficiente" che chiude il tuo commento come va interpretato? E' un epiteto finale o è la firma?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finora é il commento più giusto che abbia letto mi son ritrovato qui per caso e sono rimasto un pochetto scioccato da quello che diceva sto tizio cmq per alcune cose da quello che sono riuscito a capire mentre mi distrecavo dai commenti di chi ha pubblicato e quello che diceva codesto uomo al punto da nn capire totalmente un cazzo in alcuni punti volevo dire che ho colto un qualcosa ricollegabile alle teorie del magnetismo unica fonte di energia del cosmo,giustamente in un altra forma ok ma il succo rimane quello

      Elimina
  26. Dopo una giornata piuttosto faticosa, leggere una risposta come quest'ultima di Popinga fa sentir meglio.
    Volevo dirlo, anche se non sono affari miei...
    :)

    RispondiElimina
  27. laperfidanera09/05/10, 17:12

    Appena "scoperto" su segnalazione di Phonkmaister:
    http://fakescience.tumblr.com

    Dedicato all'Anonimo dell'8/5 ore 20:40

    RispondiElimina
  28. Lo conoscevo, e sono suo fan su Facebook. Comunque hai fatto bene a segnare questa fonte di intelligente divertimento "scientifico": Fakescience

    RispondiElimina
  29. l' argomento pricipale è.....la terra nn gira intorno al sole.....
    be...lasciati dire ke
    1)parli da cani
    2)il fatto ke nn ci siano riferimenti ad Einstein significa solamente ke c' era paura da parte dello scrittore,.....la paura di avere torto
    3)se la terra nn girasse in torno al sole, dovrebbe avere un moto rettilineo uniforme(cosa ke nn ha) quindi cio ke è stato scritto va contro la legge di gravitazione universale
    F=K(m'+m")/d2
    dova la forza di gravità e = alla costante moltiplicata al quoziente fra le masse dei corpi e il quadrato della distanza fra i due corpi
    concludendo, la teoria nn e attendibile in quanto sfida leggi gia provate con maggior prove in precedenza. la stella polare in oltre nn puo avere effetti gravitazionali sulla rivoluzione terrestre perchè allora anke tutte le altre stelle con una distanza inferiore ai 31 a.l. dovrebbero avere conseguenze sulla rivol. terrestre
    e molto ineressante il fatto ke l' asse terrestre e l' asse della stella polare siano parallele ma non implica assolutamente ke la terra non gira intorno al sole...
    grazie x l' attenzione

    RispondiElimina
  30. Anonimo con chi ce l'hai? Con il povero Corradi che è morto da una cinquantina d'anni? Con me? Con uno dei commentatori? E come fai a dire "parli da cani" quando scrivi con un codice da sms?

    RispondiElimina
  31. se il linguaggio che devo usare è formale allora posso affermare che l'illustrissimo Signor Corradi ha confuso l'astronomia per altre discipline strane, in quanto il suo ragionamento, sebbene non manchi la volontà di essere "utile" alla scienza, fa riferimento a principi assolutamente infondati, privi di ogni base scientifica.
    Ovviamente questo e solo il mio parere, se voi ci tenete a sostenere che la terra non gira intorno al sole, allora nessuno ve lo impedisce.
    Io sono contrario solo e soltanto alla teoria formulata dal sign. Corradi, che il signor. popinga ha riportato alla luce.

    RispondiElimina
  32. Anonimo, ma l'hai letto bene l'articolo? Corradi l'ho ripescsto in quanto folle letterario, sostenitore di teorie talmente campate per aria da non meritare neanche un piccolo sforzo di confutazione. Ti sembra che frasi come "Il finale è pirotecnico, con atomi, esplosioni vulcaniche, aurore boreali e pozzi metaniferi inesauribili mescolati con una coerenza che sfugge al lettore. Il Nostro si lascia prendere la mano e il suo sistema gli sembra in grado di spiegare anche fenomeni lontani da quelli astronomici: l’originalità di un fou littéraire si mescola sempre con un certo grado di presunzione siano di approvazione?

    RispondiElimina
  33. scusi avevo frainteso. pensi che ho persino letto che nel lazio 1 persona su 4 pensa che il sole giri attorno alla terra. robe da matti!!! personalmente ritengo che l' astronomia sia una delle scienze piu nobili(come affermava lo stesso Giacomo Leopardi) e mi vengono i brividi quando sento che essa sia cosi ignorata dalla gente.
    la ringrazio comunque per averci fatto riflettere.
    Scusi ancora

    RispondiElimina
  34. Anonimo, riconoscere di aver frainteso è un sintomo di intelligenza e di onestà oggi abbastanza raro. Secondo me puoi dedicarti alla ricerca: due elementi di base li possiedi.

    RispondiElimina
  35. grazie....apprezzo molto il suo pensiero

    RispondiElimina
  36. daniele cruciani01/01/11, 22:28

    ciao a tutte queste menti eccelse mi chiamo daniele e ho 61 anni titolo di studio quinta elementare volevo lasciare un commento sul sig. Corradi,io tempo fa ho visto un servizio su questa persona che non sono in grado di giudicare ma che mi a incuriosito per me era una mente fuori del normale cioe un genio tante che arrabbiato con tutti non lascio niente dei suoi studi.in merito al sapere o no io oggi ho un po per ignoranza e un po per curiosita sapere se la terra girava ho no intorno al sole,quindi non e mai troppo tardi per.......

    RispondiElimina
  37. Forse dopo il tuo articolo la Rete ha fatto progressi. Come la mettiamo con questo link: copernicowaswrong.com?

    RispondiElimina
  38. Salve a tutti,mi reputo un grande ignorante in tutto,pur avendo studiato molto; sorrido constatando quanta "sicurezza" e presunzione ci sia al mondo,qualsiasi "legge" anche se elaborata da Einstein ,si evolve partendo da un "punto"... Se questo non è veritiero rimane pur sempre solo una teoria.
    Penso che tutta la "conoscenza" dell' uomo sia solo una grande bolla di sapone,presto scoppierà.

    RispondiElimina
  39. Gentile Paolo, se tutto si evolve da un punto (un atomo primordiale?) rimane la semplicissima questione di spiegare che cosa ha dato origine a quel punto e, procedendo a ritroso all'infinito, che cosa ha dato origine a quella cosa che ha dato origine al punto, ecc. ecc. Ma queste discussioni lasciamole ai teologi. Io mi occupo di scienza, che, a quanto pare, funziona.

    RispondiElimina
  40. FINALMENTE HO TROVATO UNO CHE LA PENSA COME ME, IO è UNA VITA CHE HO SEMPRE SOSTENUTO E NE SONO VERAMENTE CONVINTO CHE LA TERRA NON GIRA ASSOLUTAMENTE E DI SICURO SARA' ANCHE PIATTA PERCHè NESSUNO è USCITO DALLA TERRA E PUO' DIRE DI AVERLA VISTA ROTONDA O ELLITTICA PERCHè NON PUO' ESSERE PIATTA BRAVO Silvio Corradi IO TIFO PER TE FINO ALLA MORTE... by terenzio

    RispondiElimina
  41. LA TERRA NON HA MAI GIRATO ED IO L HO SEMPRE CREDUTO E CI CREDERO' FINO ALLA MORTE, PERCHE' NESSUNO è USCITO DALLA TERRA E VEDERE SE GIRA E COMUNQUE CREDO A TUTTO CIO CHE HA SCRITTO COSTUI PERCHE' LO SEMPRE PENSATO GLI SCIENZIATI VOGLIONO FARE INGHIOTTIRE TUTTO CIO' CHE DICONO LORO MA QUELLO CHE PENSONO GLI ALTRI NON GLIENE FREGA MAI. IO A SCUOLA MI SONO BECCATO UN VOTO BASSO, PER QUESTA DISCUSSIONE , PRIMA LA PUTTANA DELLA PROFESSORESSA MI INTERROGO' ED IO GLI SPECIFICAI TUTTO QUELLO CHE AVEVO STUDIATO SOTTOLINEANDO CHE QUESTO è CIO CHE DICONO GLI SCIENZIATI ED MI ERO PRESO UN BEL 8 POI LA PUTTANA MI RICHIESE MA SECONDO TE CHE NE PENSI? ED IO RISPOSI CHE LA TERRA NON HA MAI GIRATO E MI DIEDE 6 -- MA SI PUO' ESSERE COSI' PUTTANE? ED COCCIUTA A LEI COSA GLIENE FREGA DI QUELLO CHE PENSO IO?

    RispondiElimina
  42. Ma sì. Si può dire tutto: la terra è piatta, i terremoti sono una punizione divina, Moana è viva, Berlusconi è un perseguitato dai giudici comunisti, il mondo finirà il 21 dicembre 2012.

    RispondiElimina
  43. andate sul sito del CESHE, anche Fernand Crombette ipotizza che la terra non gira attorno al sole. Date un occhio al sito

    RispondiElimina
  44. Persino Giovanardi c'ha il sito...

    RispondiElimina
  45. Carissimo Popinga,

    che importa se la scienza non è precisa? Tanto, prima o poi, le ipotesi che abbiamo sempre creduto valide vengono inevitabilmente sostituite da altre più precise. O forse semplicemente più adatte ai tempi, o più seducenti per la visione che offrono. Non so dire se il prof. Corradi abbia ragione o meno. Sono troppo ignorante per affrontare l'argomento, anche se mi ritengo un appassionato di astrofisica. La cosa importante che lei mette sul piatto, a mio avviso, è il tragico rapporto che si instaura tra un genio e la sua epoca. Tragico in senso greco, non fantozziano, ovviamente. Nietzsche morì pazzo solo perché le sue idee erano in anticipo di un secolo e quasi nessuno lo ascoltò, a suo tempo. Corradi, nella sua furia visionaria, commette qualche svista stilistica a causa della frustrazione che s'impossessa di ogni pensatore asincrono. Grazie per avermelo comunque fatto scoprire. Corradi è una perla in fondo all'oceano.

    RispondiElimina
  46. il fatto che giosuè nella bibbia afferma che al capitolo 10, e il sole a girare non la terra ha ragione corradi

    RispondiElimina
  47. avete mai letto il libro di giosuè dalla bibbia capitolo 10 . il sole gira non la terra.

    RispondiElimina
  48. Interessante questo scienziato, che non avevo mai sentito. Professore volevo chiederle un consiglio, io frequento un istituto tecnico commerciale, come lei sa la scienza non é una materia che é prevista nel mio indirizzo, però questa materia mi ha sempre affascinato soprattutto l'astronomia e la fisica e volevo sapere quale libro potrei leggere, per cominciare a imparare la materia in questione.

    RispondiElimina