giovedì 8 aprile 2010

Opinionismi (clerihew politicamente scorretti)



Maurizio Belpietro
si guardava il didietro
anche da vecchio
radendosi allo specchio.


Paolo Bonaiuti:
nemmeno a Gibuti
c’era uno così perfetto
come scendiletto.


Daniele Capezzone
alla rappresentazione
era un vero mago
nel ruolo di Iago.


Giuseppe D'Avanzo
scrisse un romanzo
con il solito bersaglio:
Marco Travaglio.


Feltri Vittorio
già all’oratorio
passava le giornate
a inventare minchiate.


Giuliano Ferrara
non ci stava nella bara:
se lo portarono via
quelli della CIA.


Dietlinde Gruber detta Lilli
odiava quegli imbecilli
(ed eran miriade)
che non leggevano Lilliade.


Lerner Gad
si credeva Galahad
ma era sir Rodney of Id
con la giacca di tweed.


“Straccio” Liguori
contestava i professori
perché il latino
non serve a un lecchino.


Augusto Minzolini
spostò i confini
delle dottrine materialiste:
anche il nulla esiste.


Piero Ostellino
sin da bambino
mostrò del talento
a seguire il vento.


Angelo Panebianco
non era mai stanco
di dir la sua opinione.
Su commissione.


Gianluigi Paragone
con la faccia da terrone
in cambio di due ossi
scodinzolava dietro Bossi.



(grazie a Egidio per le correzioni)


Aggiornamento del 9 aprile 2010

Ecco due gustose aggiunte da parte di B.:


Marco Travaglio
ha più di un bavaglio
direi bavaglino
narciso e bambino


Michele Santoro
si cinge d'alloro
si nomina Vate
per razze dannate.

20 commenti:

  1. E Bossi Umberto
    è contento di certo
    da un lato per Cota
    dall'altro la trota.

    RispondiElimina
  2. Feltri Vittorio
    fascio littorio...

    RispondiElimina
  3. Classifica:
    1) Lerner
    2) Minzolini
    3) Liguori
    4) Ostellino

    RispondiElimina
  4. Daniele, Dietlinde :)

    Per me Lerner su tutte, poi Gruber

    RispondiElimina
  5. Cavolo, mi ero perso la Gruber. Ha ragione Egidio: Gruber al secondo posto.

    RispondiElimina
  6. Marco Travaglio
    ha più di un bavaglio
    direi bavaglino
    narciso e bambino

    Michele Santoro
    si cinge d'alloro
    si nomina Vate
    per razze dannate.

    Scusa Popinga, ma io non li sopporto, nemmeno questi, nessuno dei due. E così mi sono permessa di inserirli nella tua lista, negletta.
    B

    RispondiElimina
  7. Quartine deliziose: mi lancio anch'io...

    La notte del Vespa
    si fa spaventosa
    quando mostra l'inchiesta
    sui plastici rosa

    (mi son permesso ricalcando un po' il Toti Scialoja di "Una vespa: che spavento!")

    RispondiElimina
  8. Ho aggiunto una fotografia dell'odioso Archibald Cunningham (interpretato da Tim Roth) di Rob Roy, che un po' ricorda il cicisbeo.

    Luca: quando farai un articolo su Toti Scialoja lo rilancerò immediatamente.

    RispondiElimina
  9. Utilissimo questo compendio tascabile della situazione telepolitica italiana!
    Mi ci lancio anch'io:

    Silvio Berlusconi
    piace molto agli italioni
    c'è un errore grossolano:
    è nel popolo italiano.

    RispondiElimina
  10. Dai, ci provo anch'io:

    Ha Daniele Capezzoni
    radicate convinzioni:
    per un euro, o forse due,
    coincidon con le tue.

    PS: So che il nome vero dovrebbe essere CapezzonE, come hai scritto giustamente tu; ma l'ho sentito spesso storpiare in CapezzonI, quindi forse la rima è accettabile lo stesso. Altrimenti, provo a pensare a come cambiarlo...
    PPS: Scrivendo il nome di Capezzone ho notato che il suo cognome contiene un interessantissimo intarsio enigmistico... Chissà se ci sono altri politici con una simile particolarità? :D

    RispondiElimina
  11. Dai, ci provo con un'altra:

    Si crede Sandro Bondi
    l'eroe dei due mondi:
    politica e poesia -
    non gli manca la fantasia.

    A proposito di foto e somiglianze, solo io trovo che Bondi sia assolutamente, completamente, totalmente uguale a padre Berengario, il bibliotecario autofustigante del film "Il Nome della Rosa"? :D

    RispondiElimina
  12. Gavagai: l'intarsio lo conoscevo già e ne ho parlato da qualche parte: CApeZZOne.
    Guarda caso, le rime ti portano certe volte su strade obbligate. Questo clerihew compare nel mio post Biografie dementi di uomini eminenti: come vedi Bondi/mondi ha colpito anche me. Visto che ci sono, quello su Hermann Hesse è secondo me uno dei miei migliori: tu che ne pensi?
    Bondi è padre Berengario fatto e finito. Chissà se si frusta anche lui.

    RispondiElimina
  13. Profeta: questo lo rilancio di sicuro quando mi capita l'occasione (citando la fonte).

    RispondiElimina
  14. L'intarsio di Capezzone è bellissimo!!! Non c'avevo mai fatto caso, quando si dice un nome un destino! Ancora rido!... :D

    RispondiElimina
  15. Ho gustato le biografie poetiche, e mi sono piaciute moltissimo! Sì, quella su Hesse è molto bella, ma ho trovato altrettanto simpatiche e divertenti quelle su Odifreddi, Magdi Allam e Beckett... Nel complesso, veramente un post di alto livello! :D
    Gavagai

    RispondiElimina
  16. @Luca Massaro
    Bella la quartina su Vespa... Mi ha ispirato una poesiola (e che Sailer mi perdoni):

    Il Vespa vanesio
    avea nella fretta
    scordato di prendere
    la bicicletta
    di Stasi, per meglio
    impedire il risveglio
    di chi a mente assorta
    guardò Porta a Porta.

    In mezzo al tripudio
    di tutto lo studio
    lo scopre il ferale,
    direttor generale:
    "Vuoi mica che tutta
    codesta gentaglia
    ripensi alla brutta
    situazion d'Italia?
    E quindi, recupera
    la bicicletta
    (va bene anche un plastico
    di qualche villetta).
    Per questo ti pago:
    non stare sul vago,
    non basta il monologo
    del sol criminologo."

    A quella pretesa;
    lui come saetta
    al volo sorpresa
    gentil biciletta,
    la ruba a un'obesa
    signora indifesa
    che passa di lì -
    poi, tosto fuggì.
    E tutto giulivo,
    il televisivo,
    gridava : "L'ho presa!
    Vai con la ripresa!"

    Ma lui rincorrendo
    l'afflittà gridò:
    "Ma io, pedalando,
    che male ti fò?"
    Tu sì mi fai male,
    con sì plateale
    tuo furto importuno.
    Deh, lasciala, Bruno!"

    Il Vespa scappando,
    risponde "Giammai!
    Ho avuto un comando
    dai vertici RAI.
    Non son certo incline
    a avere altri scazzi:
    non voglio la fine
    di Biagi o Luttazzi."
    E quindi fuggito
    pigiando il pedale
    d'aver obbedito
    va fier - com'è usuale.

    RispondiElimina
  17. Gavagai: bellissimissima!

    RispondiElimina
  18. L'ELETTRODOMESTICO CHE VINSE L'ANALFABETISMO

    Fazio Fabiolino
    fa sempre l'inchino
    e bei sorrisini a qual ospite arrivi.
    Galletto Allevato, non sapido canta,
    sicchè la pollastra sboccata si vanta.
    Ma è la Luciana!
    Non siede composta, ma si appollaia, strana.
    Che sian intelligenti
    io dirvi non so,
    ma non son Stanlio e Ollio e son brutti un bel po'.
    Mi si cariano i denti, e che noia mi fo'
    eppur ratta repente, il Clapclap zapperò!
    Ed ecco il turno dell'Eroe di successo,
    discusso e conclamato insieme.
    Non v'è differenza tra il pollame e le Iene.

    E poi c'è la Daria
    cui paghiamo la diaria
    che è tutta contraria:
    Ella è acida e bonaria.
    Anch'ella mi pare
    una viscida anguilla in mezzo al mare.
    Nel Mar dei Sargassi,
    reginetta for Smargiassi,
    ammicca e si sporge a far da polena.
    Non v'è differenza tra la Lilli e 'sta iena.

    Agognamo or, alfine
    o tassati miei prodi
    di Marrazzo il buongiorno,
    che nell'aia selvaggia
    dal suo eremo disse: "Io torno!".

    Beh senti Popinga, non so se si è capito, ma a me piacciono in pochi, ecco.
    Tu sì, però.
    B

    RispondiElimina